Anatra all'arancia
Numero persone: 
4
Bambini: 
adatto ai bambini
Celiachia: 
non contiene glutine
Difficoltà: 
media

È una ricetta nota come francese, in realtà fu Caterina de Medici ad esportarla in Francia. L'anatra all'arancia è un secondo piatto gustoso, saporito, adatto a situazioni eleganti e alle feste natalizie.

 

Ingredienti: 
Intera
1.20
kg
Tipo Tarocco
6.00
Piccola
1.00
Succo
1.00
Zucchero semolato
3.00
zollette
Burro
100.00
gr
Olio extra vergine d'oliva
qb
Rum
(facoltativo)
qb
Istruzioni: 
  1. Fiammeggiare, pulire e lavare l'anatra come per il pollo, quindi asciugarla e metterla in una pentola
  2. Unire la cipollina steccata con i chiodi di garofano, il burro, e poco olio
  3. Iniziare la cottura facendo ben rosolare la carne su ogni lato, salare e bagnare col brodo; proseguire abbassando la fiamma
  4. Far asciugare il brodo e bagnare col succo di limone, quindi mettere il recipiente nel forno già caldo e proseguire la cottura a 180° per un'ora. Ricordarsi a metà del tempo di girare la carne
  5. Togliere l'anatra dal forno e allungare il sugo di cottura con poca acqua calda e filtrarlo unendo il succo di due arance
  6. Mettere le zollette di zucchero in un pentolino con poca acqua, farle sciogliere e caramellare, quindi unire il succo dell'anatra in modo che assuma colore bruno
  7. Tenere la salsa al caldo, quindi lavare le arance rimaste, tagliarle a fette e distribuirle sul fondo di un piatto da portata che regga il calore del forno e sopra mettervi l'anatra
  8. Irrorare con la salsa calda e passare in forno per cinque minuti
  9. Al momento di servire se piace spruzzare un po' di rum sull'anatra e dare fuoco servendo la pietanza fiammeggiante

Suggerimenti

Si suggerisce di utilizzare liquore Grand Marnier o vino Porto per irrorare l'anatra.

Varianti

  • Si possono aggiungere le carote a fette, uno spicchio d'aglio, il timo e una foglia di alloro.
  • Il passaggio n. 6 può essere fatto anche sciogliendo e caramellando zucchero con aceto.

Vino da abbinare

Gewurztraminer.

Origine

Francese e Toscana. I fiorentini chiamavano questo piatto "papero alla melarancia", e fu esportato in Francia da Caterina de Medici che, sposata ad Enrico II di Francia, decise di portarsi in Francia anche i suoi cuochi esportando le tradizioni culinarie italiane.

Anche detto

In francese è detta Canard à l'orange.

 

I vostri commenti

Lascia un commento o una domanda