Bonarda

È diffuso soprattutto nella zona dell'Oltrepò Pavese, ma nella stessa Lombardia anche nel Piacentino, e all'estero addirittura in Argentina. In Piemonte si produce un "Bonarda Piemonte", anche con l'uva Bonarda.

Colore

Rosso rubino intenso.

Profumo

Fruttato dolce a volte con sentori di pepe nero.

Gusto

Sapore secco, amabile o dolce, leggermente tanninico, a volte vivace o frizzante. Equilibrato e completo.

Gradazione

Gradazione minima 11°.

Costo

Spesso si trovano vini Bonarda in vendita a prezzo piuttosto basso, grazie all'abbondante produttività della croatina, ma per tenere elevato il rapporto qualità prezzo del Bonarda si deve riuscire a distinguere bene il sapore dell'uva usata, quindi la croatina deve essere coltivata con molta attenzione, rispettandone soprattutto i tempi di maturazione (lunghi) senza farsi tentare eccessivamente dalla sua produttività (potenzialmente elevata).

Invecchiamento e annate speciali

Non è un vino da invecchiamento.

Abbinamento

Salame di VarziIl Bonarda è un vino a tutto pasto, ottimo abbinamento con torte salate, agnolotti, ravioli di carne, salumi, carni bianche arrosto o in umido, formaggi mediamente stagionati. È noto l'accompagnamento di questo vino con il celebre salame di Varzi (PV). Vedi Abbinamento vino cibo.

Vitigni impiegati

Uva croatinaCroatina in purezza nell'Oltrepo' Pavese.

Oltre all'Oltrepò, va precisato che nella stessa Lombardia si produce Bonarda anche nel Piacentino, e all'estero addirittura in Argentina. Dal 2004 il Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese sta attuando una serie di iniziative per la valorizzazione del Bonarda e per la tutela della sua produzione esclusivamente all' Oltrepò. Il Bonarda dell'Oltrepo' Pavese è prodotto principalmente con "uva croatina", dal vitigno forte e robusto. La storia dei suoi vitigni risale addirittura alla fine dell'800. Sono diversi i tipi di vino prodotto: secco, abboccato, amabile o addirittura dolce, di sapore leggermente tannico, di profumo particolare, "ammandorlato".

Il Bonarda si produce anche con la tipica uva omonima, dallo stesso vitigno della Croatina, coltivato nelle zone di Rovescala (PV) e di San Damiano al Colle (PV) secondo metodi particolari, che si tramandano, tra i vignaioli locali, di padre in figlio. Rovescala è considerata la patria del Bonarda DOC. In Piemonte si produce un "Bonarda Piemonte" che generalmente utilizza "uva Rara", le cui caratteristiche organolettiche favoriscono la sua miscelazione con le uve Croatina - Bonarda e Barbera.

 

Zona di produzione

Il Bonarda è prodotto sia in Piemonte che in Lombardia, nella zona dell'Oltrepò Pavese (Rovescala PV), Colli piacentini, dove si distingue come vino più diffuso.

Sostanze presenti

Può contenere solfiti.

Il bicchiere

Bicchiere da vino rossoCalice da vino rosso. Vedi Bicchieri da vino.

Temperatura di servizio

La corretta temperatura di servizio va dai 16 ai 18° C . Vedi Termometri da vino.

Nella storia

In un documento, datato 1192, il conte Anselmo di Rovescala si impegna a consegnare nel giro dei 6 anni successivi, 600 congi (circa 20 ettolitri) di vino della qualità migliore delle sue vigne.

Eventi relazionati

A Marzo ogni anno a Rovescala (PV) si svolge la Primavera dei Vini, dove si possono visitare le cantine, degustare prodotti locali.

A fine Luglio: AGNOLOTTO E BONARDA FESTIVAL, rassegna enogastronomica della "Strada del vino e dei sapori dell'Oltrepò Pavese".

Turismo eno-gastronomico

Tutto l'Oltrepò Pavese richiama grandi attrattive per il turismo eno gastronomico, con percorsi ed iniziative culturali consigliate.

Curiosità

  • Il Bonarda ha ottenuto la DOC nel 1970.
  • Il Bonarda apre anche un ampio dibattito sulla sua tipologia di vino fermo o vivace. Si è aperto un fronte, secondo l'AIS Lombardia (Associazione Italiana Sommelier) sul Bonarda vivace, concretizzato nel cosiddetto “Bonarda Style”: ovvero si cerca di costruire un modo di bere legato al Bonarda e basato sullo slogan portante “naturalmente vivace”. 
  • Esiste l'Associazione senza fini di lucro chiamata: "IL BONARDA STORICO DI ROVESCALA" che si propone di valorizzare la zona di Rovescala e i suoi vigneti.
Materie prime: 
Uva
 

I vostri commenti

Complimenti e vino veramente buono compro sempre bonarda

mi piace ciò che è scritto ma soprattutto mi la bonarda

ottimo vino! ma chiedo aiuto: parlando di bonaria mossa, potreste consigliarmi le giuste scelte che abbinino qualità e prezzo?
grazie

Spettabile Bonarda chi vi scrive è uno dei vostri più accaniti cosumatori del vostro vino ma l'altro giorno mi è successo un fatto insolito e cioè mentre mi apprestavo a bere la vostra bottiglia di vino mi sono accorto ke aveva uno strano sapore,nn il solito,sapeva di tappo eppure la bottiglia era chiusa perfettamente,visto questo ho preferito nn berla e l'ho buttata immediamente via.Nn lo so come sia potuto succedere una cosa del genere,cmq aspetto una vostra risposta nel più breve tempo possibile altrimenti sarò costretto dopo tanti anni a nn consumar più il vostro vino.Distinti saluti.

Scusi sig. Vincenzo, ma cosa intende per il "vostro vino" ?? Questa è una pagina generica sul vino bonarda. Esistono decine di etichette diverse e il problema che lei ha avuto è relativo all'azienda che ha prodotto quella specifica bonarda.

Lascia un commento o una domanda