Arrosticini
Bambini: 
adatto ai bambini
Celiachia: 
non contiene glutine
Difficoltà: 
facile

Gli arrosticini sono spiedini di carne di pecora o di castrato tipici della cucina tradizionale abruzzese. In alcune zone sono anche chiamati rustelle, arrustelle oppure rrustell.  La preparazione consiste nel tagliare la carne in cubetti di dimensioni molto ridotte ed infilarla in spiedini, in alcune zone detti «li cippe».

Arrosticini sulla griglia Vengono cotti alla brace, su un braciere chiamato rostelliera, dalla caratteristica forma allungata a canalina. In base al dialetto della zona viene anche chiamato «lu fucon», «fornacella», «furnacella», «rustillire» o anche «arrostellaro».

Oggi questa specialità è diffusa su tutto il territorio regionale anche fuori dall'Abruzzo, grazie alla grande distribuzione. Perché l'arrosticino abbia il suo gusto tipico è molto importante la cottura, la griglia utilizzata e la temperatura del fuoco. Si mangiano sfilando uno ad uno i pezzetti di carne, tenendoli stretti tra i denti e tirando verso l'esterno il ceppo.

Tipologie e varianti di arrosticini

Produzione in serie

Caratterizzata da cubetti di carne di circa 1 cm di lato infilati su di uno spiedino di legno per una lunghezza massima di 20 cm.

Produzione manuale

La carne è tagliata con il coltello a tocchetti irregolari di varia dimensione interponendo strati di carne molto magra a tocchettini di grasso, sempre di pecora, che li rende morbidi e profumati. Quest'ultimo tipo di arrosticini è il più pregiato perché necessita di carne di ottima qualità per poter reggere bene una cottura più lunga.

Arrosticini di carne di castrato

Nella grande distribuzione e in vari ristoranti vengono venduti arrosticini di carne di agnello non castrato. Carne suina, di tacchino ed anche di pollo sono varianti non riconducibili alla tradizione abruzzese, con un formato di carne adoperato più grande e chiamati comunemente spiedini.

Abbinamenti

Gli arrosticini sono solitamente accompagnati da fette di pane casereccio non tostato e non salato, ma cosparso di olio extravergine di oliva. Gli si abbina egregiamente un Montepulciano d'Abruzzo o, come in uso ancora nei locali più tradizionali, un mix di vino rosso locale diluito con gassosa. datta ad un adulto è di 10-15 unità. Vedi anche Abbinamento vino cibo.

Feste e sagre

La più celebre festa che si svolge in loro onore non si tiene in Abruzzo come si potrebbe pensare, ma bensì a Cosio Valtellino in provincia di Sondrio. La "Festa degli arrosticini", che si svolge negli ultimi due weekend di settembre, richiama ogni anno migliaia di appassionati.

Ingredienti: 
pronti o di carne da tagliare
700
gr
2
rametti
1
qb
Olio extra vergine d'oliva
qb
Istruzioni: 

Per farli in casa

  1. Tagliare la carne prescelta a tocchettini piccolini.
  2. Infilzare i pezzetti di carne sullo spiedino avendo cura di alternare un bocconcino di carne magro a uno invece molto grasso che donerà morbidezza e sapore.

Come cuocerli

Una volta realizzati gli arrosticini o dopo averli acquistati già pronti si possono scegliere vari metodi di cottura anche se il migliore resta quello tradizionale cioè sulla fornacella. In alternativa si può scegliere una semplice griglia o anche il forno.

Cottura al forno

Il risultato della cottura al forno non sarà ovviamente paragonabile alla cottura su griglia, ma sarà comunque possibile gustare gli arrosticini anche senza griglia. Metteteli in una teglia da forno molto ampia e portate la temperatura del forno al massimo: infilate gli arrosticini e dopo 4 minuti girateli in modo da rendere tutta la loro superficie croccante.

Come marinarli

Per aggiungere sapore prima di essere cotti possono essere marinati così:

  1. Disporre gli arrosticini su un piatto ben separati tra loro
  2. Versare sopra un po’ olio d’oliva e una spruzzata leggerissima di limone
  3. Insaporite gli arrosticini con dei rametti di rosmarino
  4. Cuocere come si preferisce.
 

I vostri commenti

Io ho trovato utile anche questa ricetta che aggiunge qualche informazione in più anche sulle proprietà della carne che si utilizza per cucinare gli arrosticini e sulle varianti che si possono proporre: cucinare.it/secondi/secondi_di_carne/arrosticini_1435003397.htm

Articolo interessante! Io li preferisco cucinare sulla classica fornacella a carbone e quando riesco li acquisto da Lucci Arrosticini, per me sono i migliori d'Abruzzo senza dubbio.

Assolutamente errato insaporire con rosmarino e limone... solo il sale

Lascia un commento o una domanda