Il Salento, in Puglia, è la regione del Negroamaro, il vitigno più diffuso e antico, dal quale si ricavano tra i migliori vini rossi e rosati d’Italia, tanto da essere impiegato per la ”correzione” di vini extra regionali, conosciuti anche all’estero.

Negroamaro

Colore

Vino di un intenso colore rosso–granato.

Profumo

Il profumo è intenso, vinoso e fruttato, con riconoscimenti di piccoli frutti a bacca nera e talvolta sentori di tabacco.

Gusto

Gusto pieno, amarognolo, rotondo.

Gradazione

Media di 12°-13°.

Costo

Medio.

Abbinamento

Sagne ‘incannulateVino a tutto pasto. Si sposa benissimo con i ricchi piatti della tradizione del Salento, come la pasta fatta in casa, ad esempio le tipiche Sagne ‘incannulate (foto a destra), servite con una zuppa di ceci, o con polpette al sugo. Si abbina bene anche con la carne di agnello o gli "gnomerelli", involtini di frattaglie legati con budello. Vedi Abbinamento vino cibo.

Vitigni impiegati

È raro che venga utilizzato in purezza, ma in genere unito ad altre uve come la Malvasia nera, Primitivo, Montepulciano, Sangiovese. Le uve del vitigno Negroamaro sono la base di parecchie DOC salentine, il più noto è il Leverano, un vino che nasce appunto dal vitigno Negroamaro e contiene Malvasia Bianca e Nera. È un vitigno versatile che può offrire profumati vini rosati, se unito ad una piccola percentuale di Cabernet Sauvignon, o grandiosi rossi, che esprimono eleganza e morbidezza, fino a produrre un vino asciutto e austero, vellutato riconoscibile per i sentori di tabacco e frutta, ideale a tutto pasto.

Zona di produzione

Tutto il Salento, in particolare nelle province di Lecce, Taranto e Brindisi. La Puglia è la regione d' Italia con la più alta produzione vitivinicola, e il Salento contribuisce notevolmente con i numerosi viticultori presenti sul territorio. Il vino a base di uva Negramaro, è al terzo posto tra i vini a denominazione d'origine controllata col maggior tasso di crescita nelle vendite per la grande distribuzione, secondo un'indagine svolta per il Vinitaly nel 2008, (Iri Infoscan per Vinitaly 2008).

Sostanze presenti

Può contenere solfiti.

Il bicchiere

Calice da vino rossoCalice da vino rosso. Vedi Bicchieri da vino.

Temperatura di servizio

15°-16°C. Vedi Termometri da vino.

Origine del nome

Il nome Negroamaro contiene la ripetizione della parola nero in due lingue: niger in latino e maru in Greco antico. Altre versioni sostengono che il nome altro non sia che il termine dialettale "niuru maru", dal colore nero delle bucce e dal sapore amaro del vino.

Nella storia

La coltivazione di questo vino così particolare risale almeno all’epoca della colonizzazione greca (VII sec. a.C.). Fino a non molto tempo fa, la viticoltura pugliese era orientata soprattutto alla produzione di vini da taglio (ovvero vini da unire ad altri), il Negroamaro era molto ricercato per dare colore ai vini del Nord o a quelli francesi. Ma Il 9 settembre 1957 gli imbottigliatori del Nord non comprarono uva e questo comportò una forte rivolta. Quando il mercato cominciò ad indirizzarsi verso i vini imbottigliati parecchi contadini consentirono alla rinuncia dei propri vigneti per ottenere i contributi per l’espianto, (vedi il video). La superficie a vigneto del Salento si ridusse di oltre la metà, causando un danno al territorio incalcolabile, perché nessun tipo di cultura agricola ha sostituito il vigneto in queste zone.
La rinascita dei vini del Salento ha trainato l’intera filiera del vino pugliese.

Eventi relazionati

Carpignano Salentino, prima domenica di settembre - festa ”te lu mieru”; la sagra nasce per festeggiare e offrire, in particolare ai turisti, uno dei prodotti tipici più apprezzati, il vino ("lu mieru"), accompagnato da focacce, verdure e altre pietanze tradizionali.

Turismo eno-gastronomico

Le doc salentine. Nei pressi di Lecce, nella zona tra Leverano, Copertino e Salice Salentino la cultura del vino sopravvive da secoli e richiama parecchi amanti del buon vino alla scoperta proprio di queste tradizioni.
Un itinerario eno-gastronomico consigliato percorre i DOC della zona: il Matino DOC, il Leverano DOC, il Galatina DOC, lo Squinzano DOC, l'Alezio DOC, il Copertino DOC, il Salice Salentino DOC ed il Nardò DOC un percorso che regala spledidi scenari, e degustazioni di ottimi prodotti locali.

I percorsi dell'olioI percorsi dell'olio. Olio d'oliva, olio extravergine d'oliva, olio di sansa d'oliva, olio d'oliva lampante, caratteristici sono i frantoi sotterranei scavati nel tufo. Le cultivar salentine sono la Cellina scorranese e l’Ogliarola che dominano le distese di ulivi millenari. (Proloco del salento).

Curiosità

Gruppo rock NegramaroI Negramaro sono un gruppo rock italiano che prende il nome dal vitigno Negroamaro, prodotto proprio nella loro terra di origine.

Anche detto

Albese, Abruzzese, Arbese, Jonico, Mangiaverde, Negro Amaro, Nero Leccese, Nicra amaro, Niuru maru, Uva Cane.

Materie prime: 
Uva
 

I vostri commenti

Buongiorno,noi siamo galleristi di vini sfusi italiani e arte a Vienna in Pilmgramgasse 3 ,1050 wien.Da poco abbiamo iniziato a commercializzare questo ottimo vino dal sapore unico e singolare nel suo genere,e devo dire che anche i Viennesi lo apprezzano. Abbiamo inoltrato diversi vini regionali italiani con il nostro sistema degustazioni gratuite di tutti i nostri vini di piccoli produttori e cantine sociali. L'arte accompagna il vino italiano a Vienna.

Lascia un commento o una domanda