Via Victor Hugo, 4 20123 Milano Tel. 02876774

Ristorante Cracco

19 Novembre 2011. Di Federico Mattavelli. Un percorso iniziato circa un anno fa ora mi porta a conoscer nuove tecniche, gusti e servizi che vengono offerti al cliente in piccoli, medi e grandi e affermati ristoranti. In occasione del compleanno di Giulia Armilotta, sommelier presso Cracco, insieme a Katia Marziali compagna di corso presso ALMA, abbiamo deciso di farle una sorpresa recandoci a cena da lei, con l’occasione di scambiare gli auguri ne abbiamo approfittato per un lungo percorso di degustazione dello chef Patron Carlo Cracco.

Accoglienza

Appena giunti sulla soglia del ristorante la porta ci viene elegantemente aperta e veniamo fatti accomodare in ascensore per recarci nella sala dedicata alla nostra cena. Sommelier, maitrè e camerieri sono rigorosamente in divisa bianca e nera, papillon ben allacciato ed eleganza sopraffina.

Veniamo accompagnati al tavolo da Giulia, che dopo un breve saluto e gli auguri dovuti ci presenta il menù. Un breve saluto anche agli altri colleghi già conosciuti durante le uscite del sabato sera post lavoro e possiamo iniziare la nostra serata firmata Carlo Cracco.

Tartufo bianco d’AlbaDalla cucina lo chef ci fa portare al tavolo sua eccellenza il tartufo bianco d’Alba (vedi libro di Carlo Cracco "L'utopia del tartufo bianco"), Matteo Bianchini serio e rigoroso nel suo lavoro ci presenta un elegante confezione di color bianco candido, che una volta aperta sprigiona, anche se già era chiaramente nell’aria, quel profumo inconfondibile del tartufo bianco, una vera botta di vita!

Partiamo con delle bollicine e delle "patatine di verdura essiccata", Champagne Bollinger 1997 R.D. servite dalla sommelier Martina Braglia.

Ambiente, tavola e menù

Tavolo al Ristorante CraccoForme geometriche ben definite, colori chiari e scuri che si alternano, l’ambiente è elegante e confortevole, reso più prezioso dalla boiseriè di ciliegio che ricopre le pareti e dai marmi che rivestono il pavimento.

La tavola è di puro stampo "marchesiano", semplice ma curata. Una tovaglia di un grigio tendente a un candido violetto vuol far da cornice a grandi piatti facendone risaltare quelle piccole grandi opere d’arte. Un bicchiere per l’acqua, un calice per il benvenuto, un piattino per il pane e un sottopiatto firmato Cracco come i tovaglioli.

Tovagliolo al Ristorante Cracco a MilanoStile ed eleganza fanno presagire un’ottima serata.

Il menù è semplice, ma raffinato, ampia scelta tra carta e due menù degustazione, tradizionale e creativo. Il mio sguardo volge subito ai menù degustazione, tradizionale o creativo? Allettanti entrambe, nel primo lo chef vuole presentare un menù legato all’ormai sua Milano, rivisitando i piatti della cucina tradizionale milanese, e non solo, proponendoli in una chiave contemporanea, combinando i sapori e giocando sui contrasti. Nel menù creativo viene espressa la passione, la ricerca e lo studio sugli ingredienti e l’abilità nel coglierne sfumature e giochi di contrasti, assonanze e piacevoli sorprese. Optiamo per il menù creativo e ci lasciamo dolcemente coccolare.

Abbiamo gustato

                Entreè al Ristorante Cracco a Milano

Entreè

           Piccolo Benvenuto al Ristorante Cracco a Milano

Piccolo Benvenuto, verdure essiccate

Cachi e curcuma  al Ristorante Cracco a Milano Pane al seitan Ristorante Cracco a Milano
Cachi e curcuma Pane al seitan,insalata e crema di capra
   
Uovo di quaglia alla barbabietola al Ristorante Cracco a Milano Gamberi rossi al Ristorante Cracco
Uovo di quaglia alla barbabietola Gamberi rossi, pop corn con cardi e mortadella
Crema bruciata all’olio di vaniglia e garusoli al Ristorante Cracco Triglia al Ristorante Cracco
 Capolavoro, Crema bruciata all’olio di vaniglia e garusoli Triglia, cavolo cinese, radicchio e bottarga
Carne cruda al Ristorante Cracco Ravioli di maionese al Ristorante Cracco
Carne cruda, lamponi alla soia e rapa bianca Ravioli di maionese allo stoccafisso con erbe secche
Alghe e funghi al Ristorante Cracco Petto di piccione al Ristorante Cracco
Alghe e funghi Petto di piccione allo spiedo con “verzino”
e mostarda di verdure
Patate e midollo al Ristorante Cracco Sorbetto melograno e mandarino al Ristorante Cracco

Patate e midollo

Sorbetto melograno e mandarino
Gelato alle castagne e latte al Ristorante Cracco Crema al Ristorante Cracco a Milano

Gelato alle castagne e latte

Crema di Cioccolato e rose caramellate
Frutta al Ristorante Cracco Krice al Ristorante Cracco
Frutta Krice

Piccola pasticceria e frutta essiccata al Ristorante Cracco

 

Piccola pasticceria e frutta essiccata.

Concludendo...

Un menu che mi ha stupito, ricco, gustoso, profumato e a volte piacevolmente inaspettato. Carne e pesce si sono alternati in ottimi passaggi ben calibrati. Una portata mi ha colpito particolarmente, trattasi di un piatto di Matteo Baronetto, vincitore al concorso Internazionale dell’Olio di Oliva di San Sebastian, la “crema bruciata all’olio di vaniglia e garusoli”, ottenuta con una stracottura delle seppie in olio.

Un servizio altrettanto all’altezza, cortesia e disponibilità sempre a disposizione del cliente.

Lo chef a termine servizio ci fa visitare le cucine, qualche battuta con Carlo Cracco, lo staff e non mi rimane che complimentarmi con tutti e ricordando ancora quel gusto incredibile della crema bruciata all’olio di vaniglia, rivolgendomi a Matteo Baronetto mi complimento di persona per la crema con un esclamazione sincera: …Matteo quella portata è stata un vero “orgasmo culinario”…

Ringrazio di nuovo tutti e Livio, sommelier, mi saluta con un “ciao Ciocco è stato un piacere rivederti…la tua fama ti precede… secondo me c’è lo zampino di Giulia!"

Una serata splendida, da rifare, grazie di cuore per l’esperienza, per il percorso fatto da ben 14 portate, ringraziando per l’ottimo servizio Giulia e per l’elegante compagnia di Katia.
 

Giulia Armilotta e Katia Marziali Federico Mattavelli
Giulia Armilotta e Katia Marziali Federico Mattavelli e un buon bicchiere di rosso
DucaSanfelice, Librandi, Riserva 2007

Cracco: tra i 50 migliori ristoranti al mondo

CRACCO: tra i 50 migliori ristoranti al mondo

 

 

 

I vostri commenti

Buon giorno chef Cracco, mi chiamo Luva Rizzi , siamo coetaini, la vedo la vedo la e la segue i tv. Per una serie di.mie decisione sbagliate o meno da 6 anni lavoro in un noto lap dance, non è certo il massimo di dignità lavorativa,a.come si dice pequgna non olet. Ma la mia passione e il mio amore e verso la.cucina, preparare, cosa mi da soddisfazione, dare me.stesso per dare gioia e piccola.felicità hai miei amici per brevi attimi. Vivo la preparazione del piatto come un gesto d'amore. Non ho alcuna preparazione tecnica non ho.frequentato corsi o scuole, l'unica mia forza è la fantasia. Non so se mai leggera questa mia mail, cucinare è amore, amore è cucinare, lavoro,lavoro e impegno possono solo fare migliorere le proprie capacita e preparazione. Distinti saluti Luva Rizzi mi mail se sarà.
Buon lavoro

salve chef,
volevo chiederle come mi consiglia di approcciarmi per la prima volta al fantastico mondo della cucina. Ho 22 anni e sono magrolino con qualche problema di carenze vitaminiche a causa della mia alimentazioe scorretta, non mangio verdeure tranne che patate e raramente piselli, unico frutto la banana e sono un grande appassionato di carne bianca o rossa non fa differenza. Non ho mai cucinato niente tranne che toast e panini, l' unica volta che mi sono fatto un piatto di pasta è venuta uno schifo per non parlare di qualche raro tentativo di prepararmi della carne miseramente fallito. Il punto è che sono molto affascinato dal mondo della cucina, mi piace andare al ristorante e seguo con massima attenzione e ammirazione tutti i programmi (master chef al primo posto ovviamente) di cucina che trovo in tv, me li registro e li guardo mentre ceno con i piatti che mi prepara la formidabile cuoca che è mia mamma! Ammiro veramente la passione che tutti voi chef di successo mettete nel vostro lavoro e sogno di poter diventare in futuro non un gran chef, ma soltanto un buon cuoco in grado di far aprezzare qualcosa preparato da me, magari anche solo ai miei familiari, amici o a chiunque capiti.
Cosa mi consiglia per fare il primo passo?
Grazie in anticipo
Luca

Si, tutto bello ma.......quanto hai speso?

Lascia un commento o una domanda