Cheese Cake

Ricetta originale della vera Cheesecake di New York

New York cheesecake

Ricetta: Cheese Cake

Numero persone: 
8
Tempo: 
1 ora e 20 minuti
Bambini: 
adatto ai bambini
Celiachia: 
contiene glutine
Difficoltà: 
media

Cos'è la Cheesecake

Fresco dolce estivo, la Cheesecake è il dolce tipico di New York, a base di biscotti sbriciolati e formaggio spalmabile, tipo Philadelphia. Le varianti al mondo di questa fresca ricetta estiva sono numerose, ma ciò che la contraddistingue è che rappresenta il dolce tipico dell'estate per il suo gusto fresco e perché la base necessita di una breve cottura in forno a temperatura bassa.

Nicoletta Spelta al corso di Cheese Cake
N. Spelta al corso di Cheesecake

Di seguito raccontiamo la ricetta originale e tradizionale della New York Cheesecake appresa durante un corso al quale Alimentipedia ha partecipato, organizzato dalla Philadelphia (Kraft) per il locale a Milano: California Bakery - Philadelphia Kitchen con i consigli della chef Rosalia Moccia. È un dolce meno calorico. Con biscotti senza glutine e senza l'aggiunta della farina è un dolce adatto anche ai celiaci.

Informazioni operative

Ingredienti per Cheese Cake

Biscotti secchi
Digestive
150
gr
Pangrattato
aggiunta dello chef
1
pizzico
Zucchero semolato
per la base
30
gr
Burro
90
gr
1
pizzico
Philadelphia formaggio
180
gr
a scelta sennò aumentare il formaggio
125
gr
Zucchero semolato
per la copertura
100
gr
in baccello o estratto
qb
scorza
1
pizzico
4 piccole o 2 grandi
4
20
gr
1
pizzico
Panna
liquida
75
gr

Procedimento per Cheese Cake

  1. Frullare i biscotti fino a ridurli in polvere.
  2. Con le mani aggiungere un po' di burro fuso (non caldo) e mischiare. (Ndr: si consiglia di usare pochissimo burro, magari un po' di più per creare i bordi, mentre per la base ne occorre proprio poco) Aggiungere anche un goccio di miele ai biscotti (Ndr: il miele serve da zucchero invertito).
  3. Iniziare a rivestire le pareti dello stampo, si consiglia una teglia di diametro non oltre i 18 cm a bordi alti e rigorosamente a cerniera. Stare attenti a non esagerare con la quantità di biscotti, lo spessore deve essere fine ma ben agglomerato.
  4. Procedere fino ad un cm dal bordo. Rivestire anche la base usando i biscotti con meno burro.
  5. Iniziare a preparare la crema mescolando con una frusta (non occorre elettrica) il Philadelphia, la ricotta, lo zucchero, la vaniglia, e la scorza di limone fino ad ottenere una crema omogenea e liscia. (Fare attenzione a non lavorare troppo la crema, in quanto si rischia di farla "Impazzire" come la maionese).
  6. Unire le uova (avendole rotte e mischiate insieme prima) un po' alla volta e lentamente, aggiungere lo yogurt, la panna fresca e un pizzico di farina, quindi versare sul fondo.
  7. Infornare a 160° per 55 minuti in forno caldo. Se si vuole evitare che la crema scurisca troppo, coprirla con pellicola.
  8. Fare raffreddare e riporre in frigorifero per almeno 3 ore. Gustarla fredda aggiungendo se si desidera crema di cioccolato o frutta fresca.

Il vino giusto con la Cheesecake

Si accompagna bene con le bollicine che tendono a "sgrassare" il palato.

Suggerimenti per fare la Cheesecake

  • Per evitare che il dolce si scurisca troppo, lo copriamo con un foglio di alluminio in modo che mantenga un bel color avorio durante la cottura.
  • Si consiglia di aggiungere del pan grattato ai biscotti sbriciolati per assorbire meglio i grassi del burro.
  • Fare attenzione a non arrivare a coprire di crema fino al bordo estremo in alto perchè in cottura può trasbordare.
  • Il burro fuso dev'essere a temperatura ambiente, come tutti gli ingredienti.
  • Per tagliare la fetta di torta usare un coltello bagnato in acqua, oppure tagliare con il filo interdentale, come si usa in America.
  • È importantissimo regolarsi con le dosi a seconda del tipo di teglia e del suo diametro. Le dosi indicate in questa ricetta sono per uno stampo di non oltre 18 cm di diametro. Aumentare le dosi se la si vuole più alta. L'esperienza e la pratica serviranno per raggiungere le dosi ottimali.

Cheesecake nel mondo

Le versioni di Cheseecake sono davvero tante proprio perché è un dolce che si presta alla fantasia. Nel mondo si trovano alcune cheesecake con formaggi alternativi a quello tipico newyorkese.

In Francia

In alcuni paesi si usa al posto del Philadelphia anche il: Neufchâtel cottage formaggio (Francia), la ricotta e il mascarpone, versione detta "alla romana, o all'italiana".

In Grecia

Si usa comunemente il formaggio Mizithra.

In Svezia

Differisce notevolmente ed è prodotta con l'aggiunta di caglio di latte e poi cotta in un forno e servita calda, chiamata "ostkaka".

A Vancouver, Canada

È fatta senza crosta, principalmente di vaniglia e cioccolato e spesso servita con frutta fresca.

Regno Unito, Australia e Nuova Zelanda

È in genere una cheesecake a freddo che non è nè dolce nè cotta al forno. È fatta con i biscotti sbriciolati digestive misti con burro e pressati in un piatto per formare una strato di base. La copertura è costituita da una miscela di latte, zucchero, formaggio, panna e talvolta la gelatina.

In Germania

La cheesecake (Käsekuchen, Quarkkuchen, Matzkuchen) è a base di formaggio Quark.

Olanda e Belgio

È tipicamente agrodolce insaporita con cioccolato fuso, la base è fatta con i tipici biscotti speculaas.

In Asia

È a base di mango.

Altre versioni

Alcune versioni di New York cheesecake propongono una seconda copertura da fare dopo il passaggio n. 6:

  • 200 ml di panna acida
  • un po’ di succo di limone
  • 2 cucchiai di zucchero

Mentre la torta è in forno preparare la seconda crema di copertura (la sour cream per gli americani); per farlo si usa la panna acida, lo zucchero e un po’ di succo di limone. Mescolare bene tutti questi ingredienti e stendere il composto così ottenuto sulla torta togliendola dal forno dopo 45 minuti.
Rimetterla in forno per ancora dieci minuti e poi lasciarla raffreddare e conservare in frigorifero per almeno 3 ore.

Cheesecake per celiaci

Usando per la base biscotti senza glutine e non mettendo la farina nella crema e verificando che gli altri alimenti non contengano glutine, questo dolce può essere consumato anche da chi soffre da celiachia.

↑ Vai all'indice

Informazioni culturali

Calorie della Cheesecake

È un dolce molto calorico, circa 350 Kcal.

Storia della Cheesecake

Si dice che la Cheesecake abbia avuto origine in Grecia. Gli storici ritengono che la cheesecake sia stata servita agli atleti durante i primi Giochi Olimpici nel 776 a.c. , anche se altri storici sostengono che questo dolce di formaggio risalga anche al 2.000 a.c. Alan Davidson, autore di "Oxford Companion to Food", ha scritto che, "nel De re rustica del 200 a. c. Marco Porzio Catone abbia descritto la sua libum (torta) di formaggio, con procedimenti molto simili alla moderna cheesecake".
I Romani hanno poi diffuso la cheesecake dalla Grecia a tutta l'Europa. Secoli dopo la cheesecake apparve in America, grazie agli spostamenti degli immigrati.

Formaggio spalmabile

Si dice che il formaggio cremoso Philadelphia abbia origini fortuite. Nel 1872, la crema di formaggio è stata inventata da un casaro americano, William Lawrence di Chester, NY, che accidentalmente mise a punto un metodo di produzione di crema di formaggio durante il tentativo di riprodurre un formaggio francese chiamato Neufchatel. William Lawrence iniziò così a distribuire il prodotto dal 1880 sotto il marchio della Empire Company. Fu lui a chiamare questo formaggio PHILADELPHIA.

Nel 1903, il Phoenix Cheese Company di New York ha acquistato l'azienda Empire e con essa il marchio Philadelphia, che è stato poi acquistato dalla Kraft Cheese Company nel 1928. La Kraft Foods produce e detiene ancora oggi il formaggio cremoso PHILADELPHIA .

James L. Kraft inventò poi nel 1912 il formaggio pastorizzato, la crema di formaggio che oggi è il più popolare formaggio utilizzato per la preparazione della cheesecake.

↑ Vai all'indice

Forse ti potrebbe interessare anche...

Philadelphia Kitchen
Cheesecake
Blue Stilton
Pannerone

Libri consigliati:

Libro di Alessandro Borghese: L'abito non fa il cuoco. La cucina italiana di uno chef gentiluomo

L'abito non fa il cuoco

Bravo, affascinante e simpatico sono tre degli aggettivi che meglio identificano Alessandro Borghese, che in questo libro racconta una vita...
Libro: Il mio corso di cucina. Vol. 1: le basi

Il mio corso di cucina. Vol. 1: le basi

Il mio corso di cucina. Vol. 1: le basi. Ottanta ricette illustrate passo a passo. Sei capitoli specifici: i classici, pasta e riso, carne, pesce,...
Libro: Il mio corso di cucina. Vol. 2: pasticceria

Il mio corso di cucina. Vol. 2: pasticceria

Il mio corso di cucina. Vol. 2: pasticceria. Settanta ricette illustrate passo a passo. Cinque capitoli specifici su: Creme & co, dolci...
Libro: Artusi. Il tascabile. Di Pellegrino Artusi

Artusi. Il tascabile

Libro: Artusi. Il tascabile. L'Associazione Cuochi "Pellegrino Artusi" di Cervia-Ravenna ha selezionato le migliori ricette di La Scienza in cucina e...

I vostri commenti

mi sembra un sito ben fatto, con ricetta chiara senza troppi fronzoli e con le altre varianti. mi piacciono anche le suggestioni sui libri..

Grazie Andrea. Questa ricetta è stata proprio scritta e seguita con la solita chiarezza che speriamo contraddistingua alimentipedia.it. Ho seguito direttamente io il corso "kraft", visto che il formaggio storico che si lega alla cheesecake è la philadelphia. In questa pagina abbiamo voluto approfondire il "mondo cheesecake" a trecentosessanta gradi.

La ricetta è ben spiegata, ma mi sembra che manchi il passaggio in forno, cioè a che temperatura e per quanto tempo.

Grazie Giovanna! Questa bellissima ricetta è stata vittima del recente restyling :-) ...un involontario taglio degli ultimi due passaggi...grazie per la tua segnalazione! È per le persone attente come te che possiamo sempre più migliorare l'informazione. Ciao e torna a trovarci :-)

Per Baking si intende Lievito chimico?
Mi da un esempio di lievito chimico?
Grazie

Lascia un commento o una domanda