Ratafià di arance

Detto anche ratafia o rataffia

Ratafià di arance
Ratafià di arance

La ricetta del ratafià di arance o agrumi, un ottimo liquore di fine pasto. Il Ratafià in generale, denominato localmente anche ratafia o rataffia, è un liquore composto da un infuso a base di frutta e alcool. Il ratafià piemontese è ottenuto dallo sciroppo di ciliegie nere. La ratafia abruzzese è ottenuta dalle amarene e dal Montepulciano d'Abruzzo. Prepararlo in casa può essere una originale idea di regalo faidate magari con una bella confezione.

Informazioni generali

È un liquore da fine pasto a base arance.

↑ Vai all'indice

Informazioni operative

Come si fa il ratafià di arance in casa

Ingredienti per due litri di ratafià

• 8 arance succose
• 2 kg di zucchero
• 2 litri di acquavite a 45° (o Alcool da frutta)

Procedimento

  1. Mettere in una pentola ampia lo zucchero con poche cucchiaiate di acqua, quindi mescolare a fiamma bassa finchè la preparazione inizia a sciogliersi formando uno sciroppo denso
  2. Mescolare di continuo, sempre a fiamma bassa
  3. Quando lo zucchero diventa di color brunito, (non troppo scuro perchè se no diventerebbe amaro), aggiungere il succo delle arance e le scorze ripulite dalla pellicina bianca o le scorzette essicate
  4. Amalgamare bene il tutto e proseguire per un'ora la cottura a fiamma bassa, mescolando di tanto in tanto perchè la preparazione non attacchi al fondo
  5. Togliere dal fuoco continuando a mescolare per qualche minuto, quindi aggiungere poco alla volta l'acquavite o l'alcol da frutta
  6. Travasare il ratafià in vasi capienti a chiusura ermetica, chiudere e lasciare riposare al buio per 40 giorni senza muovere i vasi
  7. Dopo questo tempo filtrare la preparazione e imbottigliarla in bottiglie sterilizzate.

Vedi Come sterilizzare vasetti e bottiglie.

Varianti

Si possono usare oltre alle arance anche altri agrumi, come cedri, limoni, o soltanto scorze essicate.

Costo

Medio.

Difficoltà

Facile.

Conservazione

Si conserva a lungo ma tenere sempre al buio.

↑ Vai all'indice

Informazioni culturali

Il nome "ratafià" ha origine dai termini malesi arak, "acquavite" e tafia, "acquavite di canna".

Curiosità

La regione Piemonte ha ottenuto dal ministero il riconoscimento del ratafià tra i prodotti agroalimentari tradizionali italiani. La regione Abruzzo ha ottenuto il medesimo riconoscimento al prodotto denominato ratafia o rataffia.

In piemontese "rata fià" significa "gratta fiato".

↑ Vai all'indice

Annotazioni

Materie prime: 
Arancia
↑ Vai all'indice
Redazione Alimentipedia

Forse ti potrebbe interessare anche...

I malesseri d'autunno
Il Natale in USA
Tacchina ripiena alla lombarda
Grissini alla zucca

Libri consigliati:

Libro: Le ricette di Pappamondo. Cucina indiana per italiani curiosi

Le ricette di Pappamondo.

Le ricette di Pappamondo. Più di 50 ricette delle diverse tradizioni indiane, regalate a Terre dai migliori cuochi dei ristoranti indiani milanesi....
Il mio libro del pane e altre delizie del forno. Ricette, consigli di Rangoni Laura

Il mio libro del pane e altre delizie del forno

Tante ricette da provare seguendo i consigli di Laura Rangoni, dalle pagnotte tradizionali ai panini più sfiziosi, dal pane integrale al pan brioche...
Libro: Birra. Piccola guida alla bevanda più amata del mondo

Birra, la guida

Una guida per conoscere la birra in ogni suo aspetto: dalla storia, alle tecniche di produzione, alle qualità dei diversi stili, paesi e culture. Nel...
Libro: La cucina nazionale italiana. Come erano e come sono le 1135 ricette che fanno l'Italia

La cucina nazionale italiana

Fatta l'Italia, si sono col tempo fatti gli italiani, anche se questo è avvenuto per la cucina da pochi anni. Oggi le varie tradizioni regionali si...

I vostri commenti

Lascia un commento o una domanda