Castagnaccio

Torta povera di origine toscana

Castagnaccio

Ricetta: Castagnaccio

Numero persone: 
6
Tempo: 
50 minuti
Bambini: 
adatto ai bambini
Celiachia: 
non contiene glutine
Difficoltà: 
molto facile

Detto anche migliaccio o pattona, è una torta di farina di castagne tipica delle zone appenniniche di Toscana, Liguria, Emilia e Piemonte. Piatto tipicamente autunnale, il castagnaccio è un piatto "povero". In Toscana, da dove è originario, il castagnaccio si prepara basso 1 cm o poco più e cotto solo con rosmarino e olio. Altrove lo si trova più alto, 2 o 3 cm e guarnito anche con pinoli e/o uvetta. Qualcuno aggiunge anche zucchero.

Informazioni operative

Ingredienti per Castagnaccio

Uva sultanina o passa
uvetta, uva passa
100
gr
Pinoli
50
gr
Olio extra vergine d'oliva
qb
qb

Procedimento per Castagnaccio

  1. Mettere a bagno l'uvetta.
  2. Setacciare la farina di castagne in una ciotola.
  3. Unire due pizzichi di sale e versare, sempre mescolando, acqua fino ad ottenere una pastella morbidissima e senza grumi.
  4. Versare in una teglia da forno grande con i bordi bassi dopo averla unta con l'olio d'oliva.
  5. Spargere sopra i pinoli e l'uvetta ben strizzata e asciugata e irrorare con un filo d'olio d'oliva.
  6. Infornare a 180° fino a che si formerà una crosticina in superficie.

Suggerimenti

  • Il castagnaccio, secondo l’antica ricetta Toscana, andrebbe fatto cuocere in una teglia bassa possibilmente di rame stagnato.
  • Anche la scelta della farina è importante. Si dovrebbe usare la cosiddetta “farina dolce” che si trova in commercio solo da fine novembre. Se l'acquistate al supermecato la farina di castagne deve essere fine, soffice e già dolcissima anche senza l'aggiunta di zucchero mentre la farina di castagne scadente è molto granulosa e poco saporita.

Abbinamento col vino

Accompagnamento ideale del castagnaccio sono il vino novello, o vini dolci come il vin santo. Vedi anche Abbinamento cibo vino.

↑ Vai all'indice

Informazioni culturali

Origine

Zone appenniniche di Toscana, Liguria, Emilia e Piemonte.

Anche detto

Baldino, migliaccio, ghirighio, patona o pattona.

Leggende e storia

Secondo quanto si legge nel "Commentario delle più notabili et mostruose cose d'Italia e di altri luoghi", di Ortensio Landi (Venetia, 1553), l'inventore del castagnaccio pare sia stato un certo Pilade da Lucca, che fu "il primo che facesse castagnazzi e di questo ne riportò loda".

Una romantica leggenda narra che le foglioline di rosmarino utilizzate per profumare il castagnaccio, costituissero un potente elisir d’amore e che il giovane che avesse mangiato il dolce offertogli da una ragazza, si sarebbe subito innamorato di lei e l’avrebbe chiesta in sposa.

↑ Vai all'indice

Forse ti potrebbe interessare anche...

Farina di castagne
Trucchi e consigli sulle castagne
Crema di castagne o marroni
Torta margherita di castagne

Libri consigliati:

Libro: Farinata & baccalà. Ricette tradizionali spezzine senza glutine, per grandi e piccini

Farinata & baccalà

Dalla sapiente e saporita cucina della nonna provengono le ricette di questo libro; piatti tradizionali appetitosi e vari, dalla farinata, al pesto,...
Libro: Fare il pane con la macchina del pane

Fare il pane con la macchina del pane

Libro: Fare il pane con la macchina del pane. Più di cento ricette semplici e gustose per sfornare un pane fragrante come quello del panettiere e...
Copertina I menù di Luisanna

I menù di Luisanna

Luisanna Messeri, nota per la trasmissione Il Club delle Cuoche ed ospite a La Prova del Cuoco, cucina da sempre con passione e curiosità, e ormai da...
Una famiglia in cucina, la mia.

Una famiglia in cucina, la mia

Luisanna Messeri, oltre che cuoca toscana senza rivali, è una scrittrice di talento e un’autrice di bestseller. In questo libro immerge le sue 280...

I vostri commenti

Vivo da sempre nelle zone appenniniche della Toscana. Mi dispiace dirvi che pattona e castagnaccio sono due cose ben diverse. La pattona si cuoce su di un letto di foglie di castagne in un forno a legna, al calore della brace. Non c'è nè olio, nè rosmarino, che sono invece gli ingredienti del castagnaccio, il quale si può cuocere in un qualsiasi forno a gas o elettrico.

Lascia un commento o una domanda