Chef Massimo Spigaroli

Nato a Polesine Parmense il 27 aprile 1958, Massimo Spigaroli, sin da piccolo predilige aiutare la Zia Emilia (cuoca/icona del luogo) in cucina, dove, si dice, disponesse in fila gli anolini e i tortelli come soldatini di piombo.

La formazione scolastica

Si iscrive alla Scuola Alberghiera di Salsomaggiore e si diploma a pieni voti.
A 16 anni presenta al Circolo della Stampa un piatto speciale di sua creazione: “Il fegato in reticella alla Spigaroli”. Seguono le esperienze nei migliori 5 stelle in Italia e all’estero e varie partecipazioni a concorsi gastronomici come il “Cuoco d’Oro Internazionale”.

Spigaroli in televisione

Tra le varie partecipazioni televisive, viene convocato da Luigi Veronelli alla presentazione della sua prima trasmissione televisiva e da Enza Sampò ed Edoardo Raspelli per “Che fai mangi?”.

Consorzio Promozionale Parma

In quegli anni viene costituito a Parma il Consorzio Promozionale Parma (promozione e cultura legata al territorio), Massimo è chiamato a far parte della cerchia dei grandi chefs parmigiani per allestire la serata inaugurale. All’età di 22 anni viene chiamato alla Scuola Alberghiera di Salsomaggiore come docente e vi rimane per 5 anni ad insegnare cucina.

Chef Massimo SpigaroliÈ tenuto in particolare considerazione per la sua cultura e per la sua abilità di cuoco da Massimo Alberini, giornalista, gastronomo e vice presidente della Accademia della Cucina Italiana che lo chiama ad insegnare cucina parmigiana alla Scuola del Gritti di Venezia.

Attualmente chef del Ristorante Relais&chateaux “Antica Corte Pallavicina”. Vedi Esperienza all'Antica Corte Pallavicina.

All'estero

Parigi, Strasburgo, Madrid, Buenos Aires, Lussemburgo, Vienna, Bourg en Bresse, Monaco, Sofia, Abu-Daby. Nel natale del 1987, chiamato dalla Marina Militare Italiana, è nel Golfo Persico sulla nave Anteo (allora di scorta ai mercantili per proteggerli dagli attacchi iraniani) per preparare il pranzo di Natale ai militari.

Spigaroli e i presidenti

Durante le visite dei Presidenti della Repubblica alla Città di Parma, ha avuto l’onore di preparare il pranzo di gala offerto in onore del Presidente Scalfaro e del Presidente Ciampi, ospiti presso la Prefettura di Parma, ottenendo in quegl’ anni dall’ “Accademia Italiana della Cucina” il “Diploma di Cucina Eccellente”.

L’ultima “Impresa”, invece, firmata Spigaroli, è la collaborazione effettuata nell’inverno 2007 con il Principe Carlo d’ Inghilterra nella sua farm-tenuta in Galles dove gli è stata proposta la consulenza operativa come gastronomo e norcino.

Ambasciatore della cucina italiana

  • Seul in occasione dell’ingresso dei Salumi italiani in Corea.
  • Montreal a festival Lumiere.
  • Dubay come promotore della cucina Italiana.
  • Tokio per fare formazione presso l’Actory School.
  • Sidney in occasione del mese italiano, per fare formazione e curare glieventi culinari

Cariche ricoperte sino ad oggi

  • Presidente da oltre 25 anni del Consorzio per Le Strade Vicinali di S. Franca e Ongina (consorzio di agricoltori).
  • Presidente del Consorzio del Culatello di Zibello fin dalla nacita dello stesso.
  • Presidente della Strada del Culatello di Zibello dalla sua fondazione.
  • Presidente del Consorzio del Suino nero di Parma.
  • Socio professionale dellla francese “Chaine des Rotisseurs”.
  • Membro del consiglio nazionale dell’associazione “Euro Toques”.
  • Docente di ALMA, la “Scuola Internazionale di Cucina Italiana”.
  • Relatore presso le manifestazioni “ Identità Golose” e “Gambero Rosso”.

Spigaroli a Identità Golose

Massimo Spigaroli a Identità Golose 2011Vedi Massimo Spigaroli con Igles Corelli a Identità Golose 2011 illustri rappresentanti dell'Emilia Romagna.

Telefono: 
0524.936539
Luogo di nascita: 
Polesine Parmense PR
Italia
Data nascita: 
27/04/1958
 

I vostri commenti

Assieme a mia moglie stiamo guardando Melaverde e ci siamo commossi entrambi per quello che sta raccontando. Il periodo della mia vita trascorso a Parma è reso importante dalla conoscenza di persone come Lei. Mi scusi se allora non sono riuscito del tutto ad esaudire ciò che mi aveva chiesto. Con rinnovata stima, i miei saluti.
Luigi Frattini
P.S.
Anche per me la nostra storia e la nostra cultura sono le radici che alimentano l'albero della vita.

Lascia un commento o una domanda