Salvia

Riduce la sudorazione, sbianca i denti e va raccolta a piedi scalzi e ben lavati

Salvia

La salvia è con il rosmarino uno degli aromi più utilizzati in cucina per dare più sapore a carni o primi piatti. La salvia ha foglie ruvide di colore verde argenteo, estremamente fragranti, di forma ovale, ma variabile a seconda della varietà.

Informazioni generali

La pianta Salvia Officinalis

La salvia, Salvia Officinalis, è un arbusto sempreverde, aromatico, appartenente alla famiglia delle Labiate con foglie ovali lanceolate e fiori molto decorativi di un bel azzurro-violaceo, che può raggiungere anche un metro di altezza.

Descrizione della pianta

Dapprima verde e ricoperto da lanugine, il fusto diviene legnoso a partire dal secondo anno di coltivazione.

Ha foglie spesse e oblunghe, profumo molto intenso, colore verde argentato e sono rivestite di peluria.

I suoi frutti si formano alla base dei fiori e contengono i minuscoli semi ovoidali di colore marrone scuro.

Coltivare la salvia in vaso

La coltivazione della salvia in vaso e in giardino è molto semplice e non presenta grosse difficoltà. È una pianta robusta che ama il sole e il caldo, anche se riesce a sopravvivere all’inverno usando l’accortezza di proteggere le radici mettendo intorno alla pianta dei pezzi di corteccia.

Salvia in vaso
Salvia in vaso

La salvia preferisce terreni neutri o leggermente calcarei e sabbiosi, molto permeabili in modo da favorire un buon drenaggio e una buona circolazione dell’aria. Non necessita di grandi quantità di acqua, anzi resiste bene anche alla siccità. Non bisogna esagerare con l'innaffiatura per non creare ristagni d’acqua nel terreno intorno alla pianta, principale causa della morte. Tra un’annaffiatura e l’altra lasciare asciugare la terra.

Varietà di salvia

Tra le numerose varietà:

Salvia Latifolia

Ha foglie larghe e oblunghe ed è la più diffusa.

Salvia Latifolia

Salvia Albiflora

Questa varietà di salvia è considerata la migliore per usi culinari.

Salvia Albiflora

Salvia Lavandulifolia

Ha foglie strette, molto aromatiche.

Salvia Lavandulifolia

Salvia Purpurea

Dal tipico colore porpora, questa salvia è usata sia a scopo ornamentale che culinario.

Salvia Purpurea

Salvia Crispa

Ha foglie particolari, leggermente arricciate.

Salvia Crispa

Altre varietà

Candelabrum, Elegans, Interrupta, Microfilla, Berggarten, Salvia gialla, Salvia Gigante, Minor alba, Purpurea Variegata, Rosea, Tricolor, Variegata, Wurzburg, Sclarea Erba Moscatella, Sclarea Turkestanica, Somalensis.

Stagionalità

Le foglie si raccolgono durante tutto l'anno, ma le migliori sono quelle raccolte in primavera, prima della fioritura.

Usi non culinari della salvia

Giardinaggio

I fiori della salvia e anche l'aspetto d'insieme della pianta sono stati sempre apprezzati nel giardinaggio. La Salvia officinalis, come altre specie dello stesso genere, è pertanto utilizzata come pianta ornamentale.

Fitoterapia

Per le sue numerose proprietà.

In cosmetica

Le foglie fresche strofinate sui denti li rendono più bianchi e purificano l'alito. Esistono infatti dentifrici a base di salvia.

Dentifricio alla salvia
Dentifricio alla salvia per denti bianchissimi

Il decotto di salvia si usa, in fase di risciacquo, per mantenere il colore ai capelli scuri e picchiettato sulla pelle del viso esercita una funzione detergente e astringente. Ha note proprietà antiforfora, basate sulla stimolazione delle papille pilifere.

↑ Vai all'indice

Informazioni culinarie

Usi della salvia in cucina

In cucina è usata per insaporire arrosti, selvaggina e aromatizzare tagli come i nodini o le scaloppine. Rende più digeribili le carni grasse. È molto profumata, e per questo è meglio usarla a piccole dosi. La si usa anche come. aromatizzante per zuppe, verdure, formaggi, olio, burro, aceto.
La si trova in vendita sia fresca in vaschette, o in vaso o essiccata.

Con il burro fuso è usata per condire le paste fresche ripiene come tortellini, ravioli, gnocchetti, ecc. Vedi Tortellini, burro e aria di salvia di Massimo Bottura. Viene anche aggiunta alla pasta dei formaggi.

Ravioli, burro e salvia
Ravioli al burro e salvia

Le foglie di salvia passate nella pastella e fritte sono una delizia.

Salvia fritta
Salvia fritta in pastella

In Medio Oriente la salvia viene usata per aromatizzare l'arrosto di montone.

Come conservare

Per conservare bene le foglie fresche di salvia bisogna riporle in piccoli vasi di vetro al riparo dalla luce.

Come pulire le foglie di salvia

È preferibile non lavare con acqua le foglie di salvia, ma basta sfregarle delicatamente con carta da cucina.

↑ Vai all'indice

Informazioni geografiche

Origine

La Salvia comune è originaria del bacino del Mar Mediterraneo e anche in Italia può essere trovata allo stato spontaneo.

↑ Vai all'indice

Informazioni nutrizionali

Proprietà della salvia

Già nell'antichità quest'erba era apprezzata per le sue proprietà medicamentose. Siamo abituati ad utilizzarla in cucina per insaporire le pietanze, ma in realtà la salvia è un vero toccasana per la salute.

Vanta infatti innumerevoli proprietà benefiche tra cui:

  • è un tonico generale
  • facilita la digestione
  • è calmante
  • è un antisettico e antispasmodico naturale
  • è antisudorifero
  • aiuta la dieresi
  • è consigliata in caso d’asma
  • aiuta le infezioni alla bocca, della gola e delle vie respiratorie
  • riduce sintomi di influenza e raffreddore
  • lenisce eczemi, piaghe, ulcere, dermatiti
  • è uno stimolante della memoria e utile per l'attività cerebrale in genere
  • un tempo era usata per alleviare le emicranie croniche.

Riduce l'eccessiva sudorazione

Secondo un'antica tradizione inoltre la Salvia officinalis può essere utilizzata per curare l'eccessiva sudorazione: si prepara un infuso con la Salvia officinalis e si praticano tamponamenti della zona da trattare.

Per sbiancare i denti

È utile per l'igiene orale, per sbiancare i denti: ogni giorno (mattina e sera) strofinare sia sui denti che sulle gengive una foglia di salvia.

Controindicazioni

La salvia contiene un chetone complesso, il tujone, che può risultare tossico ad alte dosi. Ciò ha impatto sia sull'uso culinario che su quello medicinale e spiega perché la salvia è stata usata come aroma ma non, per esempio, come insalata. La normativa europea ha stabilito un limite massimo al contenuto di tujone nei cibi, che è di 25 mg/kg nel caso di cibi aromatizzati con la salvia.

È inoltre controindicata agli ipertesi e agli epilettici.

Salvia in gravidanza

Nel Medioevo le levatrici la usavano per favorire le contrazioni uterine durante i parti complicati. Proprio per questa sua caratteristica non è consigliata alle donne in gravidanza e durante l’allattamento.

Consultare sempre il proprio medico di fiducia.

↑ Vai all'indice

Informazioni culturali

Curiosità sulla salvia

Presso i Romani la salvia doveva essere raccolta con un rituale particolare, senza l'intervento di oggetti di ferro, in tunica bianca e con i piedi scalzi e ben lavati.

Il nome

Il nome salvia deriva dall'aggettivo latino "salvus" che significa "salvo, sano"

Nei dialetti italiani

In Emilia Romagna: sèlvie

In Friuli Venezia Giulia: salvie

In Liguria (Genova): sarvia

In Molise: salvie

In Piemonte: merlipò

In Sicilia: orminnu, sarvia

In Valle d'Aosta: sarva

Nelle altre lingue

Come si dice salvia nelle altre lingue:

Salvia in Inglese si dice: sage.

Salvia in Francese si dice: sauge.

Salvia in Spagnolo si dice sabio.

Salvia in Tedesco si traduce: salbei

↑ Vai all'indice

Forse ti potrebbe interessare anche...

Borragine
Il rosmarino
Erba cipollina
Alloro

I vostri commenti

scusate, ma vi siete bevuti il cervello? Mescolate Salvia divinorum (una specie a sé) con la salvia officinale, che è una comune aromatica e non fa male a nessuno?
Se proprio dovevate metterci altre salvie, perché non le 800 specie diverse e per nulla allucinogene?

Forse Mimma perchè se descrivessimo 800 specie Alimentipedia diventerebbe un portale sulla salvia?? Lo scopo è di dare informazioni, anche quelle più "curiose" tipo quella sulla S. Divinorum. Comunque grazie per il commento.

Lascia un commento o una domanda