La pizza fritta: un lungo viaggio iniziato a Napoli

La storia e la ricetta napoletana della pizza con i friarielli

La pizza fritta è nella top ten dei cibi italiani di strada, finger food, utilizzando un inglesismo.
Nello specifico, si tratta di un piatto tipico della cultura gastronomica partenopea apprezzato ed amato oltre i confini regionali e nazionali.
Viaggiando nella storia, si scopre che l’odierna pizza fritta è nata come versione più economica della classica pizza tonda napoletana. Infatti, soprattutto nel periodo della Seconda guerra mondiale, quando la distruzione e la fame erano all’ordine del giorno, la pizza fritta si presentò come un’alternativa valida, economica e semplice da preparare.

Pizza fritta
Street food a Napoli con la pizza fritta

Ad oggi, la ricetta per la pizza fritta in tante varianti consente di soddisfare le richieste anche dei palati più esigenti e, soprattutto, è estremamente versatile; infatti, dall’antipasto alla cena non delude mai le aspettative dei commensali.

Classica ricetta napoletana: pizza con i friarielli

Ingredienti:

  • 600 g di pomodorini ciliegini
  • 15 g di lievito di birra
  • 300 g di mozzarella
  • 80 g di pancetta affumicata o bacon
  • Sale e pepe q.b.
  • 500 g di farina olio extravergine di oliva q.b.
  • Origano q.b.
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 350 g di friarielli

Preparazione

  1. Sciogliere il lievito in una coppa contenente metà cucchiaio di zucchero e 2 litri di acqua tiepida.
  2. Impastare a parte metà dose di farina con un pizzico di sale, la restante parte di zucchero e il lievito appena sciolto.  
  3. Coprire la pasta con la pellicola alimentare e lasciar lievitare per 30 minuti.
  4. Unire, quindi, alla pasta la farina rimasta, 2 cucchiai di olio e 1 litro di acqua tiepida.
  5. Lavorare l’impasto fino ad ottenere un composto elastico. Far riposare in una teglia unta con olio per circa un’ora avendo cura, però, di coprire con un telo umido per bene l’impasto.
  6. Tagliare la mozzarella a dadini e lasciar scolare per almeno un’ora.
  7. Tagliare metà quantità di friarielli, eliminando i semi, e far rosolare in 2 cucchiai di olio.
  8. Lavorare, quindi, la pasta e dividerla in 4 pagnottelle. Stenderla in 4 dischi spessi un centimetro ciascuno.
  9. Sistemare le pizze su una teglia unta d’olio e aggiungere i pomodorini, la mozzarella, i friarielli e la pancetta o bacon.
  10. Completare con pepe, origano e un filo di olio.
  11. Cuocere in forno a 230° per 20-25 minuti.

Storia della pizza fritta

La pizza fritta, simile al panzerotto ed allo gnocco fritto, è uno dei prodotti tipici della cucina partenopea che fa tornare alla mente i difficili anni del Dopoguerra a cui la creatività dei napoletani ha sapientemente saputo far fronte.
Fu quasi per caso che si pensò di friggere l’impasto base per la pizza nell’olio bollente, dato che il quel periodo molti forni a legna erano andati distrutti, dunque l’idea della pizza fritta si palesò come una valida alternativa per mangiare qualcosa di gustoso e croccante.
Oggi, la pizza fritta si farcisce con salumi, polpette, provola o friarielli; in origine, invece, si utilizzava per la farcitura la ricotta che arrivava a buon mercato dalle campagne e i pezzi di grasso di maiale scartati dai tagli pregiati.
La pizza fritta è stata conosciuta dal grande pubblico grazie all’attrice Sophia Loren che, nel film “L’oro di Napoli” diretto da Vittorio De Sica ne 1954 interpretava, appunto, una donna che con la sua arte culinaria produceva le pizze fritte contribuendo attivamente all’economia familiare.

redazione Alimentipedia

Forse ti potrebbe interessare anche...

Broccoletti
Logo scuola Mise en place
Gino Sorbillo. La pizza nel cuore
La città dell pizza

Libri consigliati:

Libro: Il gioco della pizza di Gabriele Bonci

Il gioco della pizza

Libro: Il gioco della pizza. Di Gabriele Bonci. Se pensate che sulla pizza non ci sia più nulla da imparare, che tutto sia stato già detto e che ne...
Libro: La pizza. Una storia contemporanea. Di Luciano Pignataro

La Pizza. Una storia contemporanea

Nel libro, uscito nel 2019, di Luciano Pignataro, esperto enogastronomico, La pizza. Una storia contemporanea, viene narrata l’origine napoletana...
Copertina del libro Passione pizza di Antonino Esposito

Passione pizza

Antonino Esposito è uno dei più quotati pizzaioli d'Italia, e proprietario di un suo locale. Iniziò la carriera di pizzaiolo quasi per caso alla metà...
Alice...e i nati per soffriggere. Libro di Viviana Varese

Alice...e i nati per soffriggere

Alice ristorante si rinnova in una nuova location: Eataly Milano Smeraldo, con la chef Viviana Varese, la "boss" Sandra Ciciriello e lo staff...

I vostri commenti

Lascia un commento o una domanda