Come lavare frutta e verdura nel modo corretto

Voglia di addentare un bella pesca? Meglio lavarla correttamente

Lavare frutta e verdura
I modi davvero efficaci per lavare frutta e verdura

Soprattutto in estate il consumo di frutta e verdura aumenta e il rischio di ingerire pesticidi, fungicidi, germi e batteri anche! Per questo è importante non sottovalutare il corretto lavaggio della buccia soprattutto se consumiamo questi prodotti crudi.
Se ci viene voglia di addentare quella bella pesca o quel bel pomodoro rosso, maturo e profumato che abbiamo appena comprato...tratteniamoci e aspettiamo di averli ben lavati e ricordiamoci che una semplice sciacquata sotto l'acqua corrente non basta ad eliminare le sostanze chimiche che devono resistere alle piogge e neanche sfregarle con uno strofinaccio anche se più efficace dell'acqua.
I metodi per lavare frutta e verdura sono molti, ma solo togliendo la buccia o scegliendo il biologico si è davvero sicuri di non ingerire sostanze chimiche. I prodotti biologici infatti non sono trattati con quelle sostanze chimiche atte a preservare frutta e verdura dall'attacco dei parassiti, ma come è noto frutta e verdura BIO agiscono sul portafoglio dato che per lo più sono prodotti giustamente più cari e comunque non sempre disponibili soprattutto sui banchi del mercato.
In gravidanza inoltre, per le donne che devono evitare il rischio di contrarre la toxoplasmosi, è importantissimo che la buccia di frutta e verdura sia non solo "lavata", ma anche profondamente igienizzata per avere la sicurezza che qualsiasi traccia di terra sia del tutto eliminata.

Cosa usare per lavare frutta e verdura

Detto ciò, vediamo come lavare DAVVERO la frutta e la verdura ed essere sicuri, o quasi, di aver eliminato la maggior parte di sostanze chimiche dannose alla salute esaminando i metodi testati dai vari istituti di ricerca e la loro effettiva efficacia.

Con prodotti specifici già pronti

Esistono in vendita detergenti chimici, e questo è già abbastanza paradossale, già pronti per lavare frutta e verdura. Questa scelta è sicuramente poco ecologica e non garantisce una perfetta e profonda pulizia oltre ad essere poco economica dato che porta a spendere soldi quando quello che ci serve è già nelle nostre case e soprattutto è naturale.

Con acqua o strofinando con un panno

Da uno studio condotto dal Connecticut Agricultural Experiment Station si è evidenziato che dopo il lavaggio con sola acqua corrente molti antiparassitari venivano eliminati, circa il 75-85%, mentre strofinando un panno la quantità di pesticidi depositata sulla superficie era inferiore che sui prodotti lavati con acqua. Quindi questi due metodi non hanno una efficacia sufficiente.

Con sale e aceto di mele o limone

Il lavaggio con acqua, sale e sostanze acide come aceto di mele o limone risulta un metodo abbastanza efficace e sicuramente economico ed ecologico.

Quantità e tempi

La proporzione è 2 a 1, cioè per esempio 2 bicchieri d'acqua e uno di aceto o limone. Si possono mettere in ammollo direttamente nel lavandino per un tempo che va dai 15 ai 30 minuti.
Trascorso questo periodo si sciacqua e in acqua strofinando bene la buccia.

Lavaggio con bicarbonato di sodio, il migliore

Il bicarbonato è un prodotto naturale in polvere, molto versatile, che si acquista facilmente in qualsiasi supermercato, costa poco e in casa non dovrebbe mai mancare.

Dosi e durata dell'ammollo

Per lavare e igienizzare la buccia di frutta e verdura si prepara una soluzione di acqua e bicarbonato, un cucchiaio di bicarbonato per litro d'acqua, e si lascia in immersione la frutta e la verdura per almeno 15 minuti. Se gli ortaggi risultassero molto sporchi si può rinnovare la soluzione e ripetere l'ammollo.

Questo metodo è ritenuto abbastanza efficiente per eliminare la maggior parte di impurità e di batteri, compresi i più deleteri come salmonella ed Escherichia coli anche se non viene data la garanzia assoluta.

Un detergente sempre a portata di mano

Se si consuma parecchia frutta e verdura può essere utile prepararsi uno spruzzino con una soluzione di 250 ml di acqua e un cucchiaio di bicarbonato più un cucchiaio di succo di limone. Una volta che il composto è ben amalgamato lo si spruzza sulla superficie di frutta e verdura, lo si lascia agire per 10 minuti dopo di che si può procedere al risciacquo con acqua corrente strofinandone la superficie.

I prodotti in busta sono sicuri?

Al giorno d'oggi il tempo scarseggia sempre, per cui la grande distribuzione ha messo a disposizione verdure, soprattutto insalate, già lavate e pronte da condire. In questi casi sulla confezione viene esplicitamente segnalato che il prodotto è già lavato per cui se lo si consuma subito dopo l'apertura della busta non richiede un ulteriore trattamento.
Molto importante per il consumo di questi prodotti è assicurarsi di rispettare la data di scadenza riportata sulla confezione e nel caso si volesse consumare il prodotto avanzato nella busta alcune ore dopo è preferibile procedere con il lavaggio accurato seguendo uno dei metodi di cui sopra perché nel frattempo anche grazie all'umidità potrebbero essersi generate colonie batteriche indesiderate.
Nel caso invece che sulla confezione vi sia indicato che si tratta di "prodotto mondato", significa solo che è stato tagliato e preparato, ma non lavato, per cui rimane indispensabile procedere con il lavaggio come suggerito sopra.

Altri consigli per il giusto lavaggio

  1. NON LAVARE la frutta e la verdura acquistate se non si intende consumarle subito, ma si vuole riporle in frigorifero.
  2. Buona norma è lavare anche i frutti che si consumeranno sbucciati e lavarsi le mani prima di maneggiarli.
  3. Prima di toccarli, lavarsi accuratamente le mani
  4. È utile fare il primo lavaggio con acqua tiepida. Per l'insalata si usa solo acqua fredda.
  5. Frutti e ortaggi con la buccia dura, come per esempio gli agrumi in genere, possono essere sfregati e spazzolati delicatamente.
  6. È consigliabile rimuovere eventuali parti ammaccate o graffiate che possono essere fonte di batteri e altri microrganismi.

Ti potrebbe interessare anche: Tabella della frutta di stagione e Tabella della verdura di stagione.

Forse ti potrebbe interessare anche...

Ricotta fatta in casa
Filetto di tonno rosso di carloforte scottato in padella con cipolla rossa brasata, salsa al cannonau.
Ristorante Tana degli orsi
Cioccolato

Libri consigliati:

Libro: Formaggi d'Italia

Formaggi d'Italia

La guida ai formaggi tradizionali d'Italia in una nuova edizione, aggiornata e arricchita. 293 specialità artigianali descritte con testi e immagini...
Torte, crostate e ciambelle

Torte, crostate e ciambelle

Un dolce piacere per i golosi di tutte le età: fragranti crostate e profumate ciambelle,torte glassate o farcite, creme e ripieni preziosi. Il tutto...
Copertina del libro: Lampone sul balcone, in terrazzo, in giardino

Lampone sul balcone, in terrazzo, in giardino

Solo a guardarlo questo libro viene voglia di mettersi a coltivare lamponi a casa. Sembrano frutti impossibili da riprodurre in vaso, ma grazie a...
Libro: Dolci bicchieri. Nuove tendenze in pasticceria. Di Mazzarella M.G.

Dolci bicchieri

Libro: Dolci bicchieri. Questo lavoro nasce da ricerche di approfondimento e di aggiornamento intorno alla pasticceria che ci ha portato a scoprire...

I vostri commenti

Interessante, devo dire che alcuni di questi modi li conoscevo e li ho usati mentre altri non ne avevo sentito parlare. Nel ristorante dove lavoro viene usata una lavatrice a borbottaggio agroalimentare e devo dire che il risultato è veramente ottimo, senza l'utilizzo di prodotti aggiuntivi. Ovviamente non è possibile avere in casa prodotti industriali però pensare come poter sfruttare il metodo a borbottaggio ad uso domestico potrebbe essere uno spunto.

Lascia un commento o una domanda