Ci mancava il kombucha

L'infinita ricerca dell'elisir di lunga vita

di FEDERICA SPELTA. Alla scoperta del kombucha!

Bevanda Kombucha

Certo che viene proprio spontaneo pensare "ma con tutte le cose buone e che fanno bene, ci serviva il kombucha?". Sì perché anche l'essere umano moderno è sempre alla ricerca di qualche rimedio miracoloso che garantisca l'immortalità. Per questo negli ultimi anni grazie alla globalizzazione, che rende più facili gli "scambi" tra culture, si sono viste alternarsi mode che hanno portato alla ricerca spasmodica di alimenti ritenuti miracolosi come è stato per il Sale rosa dell'Himalaya o per le Bacche di Goji o i Semi di Chia e tanti altri...

Sta mattina come sempre, per tenermi informata su questo pazzo mondo, sfogliavo i social e mi è caduto l'occhio, come si dice, su un post pubblicato su un gruppo specifico in cui il disperato autore chiede aiuto per il suo "kombucha che non frizza", eccolo nella foto qui sotto...

...questo mi mancava!

Kombucha

Sarò rimasta indietro, ma del kombucha proprio non avevo mai sentito parlare. La foto pubblicata su FaceBook è un barattolo contenente una strana massa gelatinosa color marroncino, che ricorda un po' la "madre" dell'aceto e come un flash mi è tornata in mente anche la moda dei tardi anni 80 in cui girava quel cosiddetto "fungo cinese" che come una catena di Sant'Antonio si moltiplicava e si regalava a parenti e amici per portare fortuna.

Ma cos'è il kombucha?

Mi sono informata e non è niente di tutto ciò o forse sì!. Googlando scopro subito che il primo risultato della ricerca è un annuncio sponsorizzato, quindi...il kombucha è venduto anche online e non da discutibili siti orientali ma dal colosso statunitense di Bezos...vado oltre...per ora non ho intenzione di comprarlo!

Passo allora alla definizione data da Wikipedia: Kombucha è il nome occidentalizzato di un tè addolcito e fermentato con una massa solida macroscopica chiamata "coltura di kombucha".  In termini più specifici è una coltura che contiene una simbiosi di batteri e lievito di cui non sto a riportare tutti i complicati nomi scientifici, ma cito quello che più mi e famigliare cioè l'acetobacter, il batterio che produce acido acetico.

Scopro che questa coltura viscida chiamata anche fungo è chiamata con l'acronimo SCOBY, vale a dire "Symbiotic Colony of Bacteria and Yeast" che tradotto sarebbe: "colonia simbiotica di batteri e lieviti".

E fin qui è tutto chiaro. Ma allora mi chiedo perché mai uno debba crearsi una colonia di batteri e lieviti, inquietante anche nell'aspetto?

Quali sono le origini del kombucha?

Indagando ulteriormente scopro che il suo utilizzo è per creare una bevanda che ha origini davvero molto antiche, addirittura risalirebbe al 250 a.c. alla dinastia cinese Qin. Pare che per i cinesi sia un vero e proprio elisir di lunga vita per la sua capacità di aiutare la digestione affinché l'organismo si possa concentrare esclusivamente sulla guarigione.

Sempre continuando a indagare sulle origini di questo "blob" misterioso, scopro che alla fine dell'800 la produzione del kombucha fu introdotta in Russia e in Ucraina.

Come si produce la bevanda

La coltura, come dice la tradizione, viene fatta fermentare in un contenitore di vetro in tè nero o tè verde zuccherato per circa 8/12 giorni. Passato questo tempo, il liquido viene filtrato e può essere consumato. Dalla fermentazione si ottiene una nuova coltura solida, utilizzabile per una futura fermentazione. Ci sono varie regole ovviamente da seguire che non stiamo qui a riportare, magari in futuro faremo una scheda dettagliata sulla sua coltivazione e fermentazione.

Ma ancora non so perché si debba bere, quali siano i suoi miracolosi benefici, se è buono e se per caso non abbia qualche controindicazione.

Fa bene o può fare anche male?

La bevanda che ne risulta è di colore simile al tè ma è leggermente frizzante, dolce e acida insieme. Ma anche se fosse di gusto cattivo, il kombucha si beve perché fa bene! Così dicono alcuni, mentre altri studi mettono in guardia sulle sue proprietà, anzi ne sottolineano alcuni aspetti che potrebbero portare anche a spiacevoli effetti collaterali.

Le virtù e i presunti benefici del kombucha

Innanzitutto bisogna prendere con prudenza le affermazioni che sostengono le incredibili proprietà di questa bevanda. In ambito scientifico è una sostanza ancora in via di studio, almeno così mi sembra non trovando un vero e proprio disciplinare.

Per cui sintetizzando si dice che il kombucha sia una toccasana:

  • per il sistema nervoso
  • per il sistema immunitario
  • per l’attività probiotica
  • come antiossidante
  • come antibatterico
  • come antifungino

E in più si dice anche che abbia la capacità di prevenire l’obesità, rinforzare i muscoli, rafforzare i reni, ridurre la calvizie, migliorare e persino guarire l’artrite, migliorare la vista, curativo delle malattie cardiache e dei disturbi del sonno. Ma tutto ciò non ha attualmente un reale riscontro scientifico.

Sven-Jörg Buslau e Corinna Hembd nel libro Kombucha, la riscoperta di un antico rimedio orientale sostengono addirittura proprietà antitumorali.

Ma attenzione alle controindicazioni!

Un'elisir di lunga vita non dovrebbe averne, secondo la logica, ma in questo caso c'è da andare proprio cauti con il suo consumo.

Anche se le segnalazioni in merito alle sue controindicazioni non sono numerosissime ho trovato che il kombucha ha una certa tossicità per fegato e reni. Pare che una donna sia deceduta in seguito al consumo di kombucha, anche se non certificabile.

Tratto da https://www.my-personaltrainer.it/alimentazione/kombucha.htmlLa mia conclusione

Non nego che tutto il procedimento sia affascinante e probabilmente la bevanda ottenuta è anche buona di sapore. Del resto sono la prima io a prendermi cura del mio lievito madre che come si sa è costituito da batteri lattici e col quale faccio un ottimo pane e una leggerissima pizza. Ma credo altrettanto che se un cibo o una bevanda hanno anche un solo effetto collaterale sia il caso di andarci cautamente.

Per ora, mi sa che dobbiamo accontentarci di vivere una vita sana, basata su un'alimentazione sana per vivere il più a lungo possibile e in buone condizioni di salute, anche fino a 90 anni può bastare!

Forse ti potrebbe interessare anche...

Lievito madre o pasta acida
Aceto
Lievito madre o pasta acida
Kit per fare la birra in casa

Libri consigliati:

Libro: Lo Yogurt e altri alimenti fermentati

Lo Yogurt e altri alimenti fermentati

Libro: Lo Yogurt e altri alimenti fermentati. Lo yogurt è ottenuto da una particolare fermentazione del latte e i batteri che ne sono responsabili, i...
Libro: Lievito madre vivo di Sara Papa

Lievito madre vivo

Questo libro svela tutti i segreti per usare la pasta madre con risultati eccellenti e senza difficoltà, ma non solo. Spiega anche l'importanza della...
Libro: La nepitella in 99 gustose ricette

La nepitella in 99 gustose ricette

Libro: La nepitella in 99 gustose ricette. Propone le ricette e descrive le caratteristiche botaniche, i sistemi di coltura, gli usi della nepitella...
Libro: L'orto dei germogli. Manuale di coltivazione e consumo

L'orto dei germogli

Libro: L'orto dei germogli. Questo manuale è molto veloce da consultare per coloro che volessero produrre dei germogli in proprio. Sono raccolte...

I vostri commenti

Lascia un commento o una domanda