Sbianchire o sbiancare

Sbollentando le verdure mantengono le proprietà e il colore

Sbianchire verdure
Sedano sbianchito o sbiancato

Cosa significa sbianchire

Sbianchire, sbiancare o sbollentare sono termini che indicano la cottura molto rapida in acqua bollente, utilizzata per conservare inalterata l'aromaticità, il valore vitaminico e il colore delle verdure. Si utilizzano in particolar modo per eseguire le precotture di vari ortaggi come patate, cipolline, zucchine, sedano, che una volta sbianchite verrano poi cotti in svariati modi.
Anziché lessarle a lungo le verdure, come si faceva un tempo è preferibile dare una sbollentata in acqua bollente e salata per pochissimo tempo a secondo della consistenza della verdura stessa per poi passarle per una scottata in padella con poco olio e gli aromi giusti. In questo modo le verdure manterranno gran parte dei loro nutrienti e conserveranno maggiormente il colore.

Come si sbianchisce la verdura

Dopo aver lavato e mondato la verdura la si mette in una capiente pentola con abbondante acqua salata bollente per poco tempo. La verdura (come spinaci, broccoli, sedano) sembra acquistare un colore verde brillante. A questo punto la verdura ha perso un poco della consistenza ed ha acquistato una croccantezza e un colore adatto ad ogni successiva preparazione o cottura o semplicemente condita e gustata.

Acqua e ghiaccio per le verdure a foglia

Appena scolata la verdura a foglia, come per esempio gli spinaci, dall'acqua di bollitura, per conservarne il colore brillante è necessario immergerla in acqua e ghiaccio.

Spinaci in acqua e ghiaccio
Spinaci sbianchiti e messi in acqua e ghiaccio

Sbianchire le patate

Per sbianchire le patate, dopo averle spelate e tagliate a fettine sottile, per sbianchirle bisogna metterle a bagno in acqua fredda con aceto e sale.

Sbianchire il sedano

Il sedano sbianchito o sbiancato rimane più digeribile. Lo si sbianca anche per la preparazione della caponata di melanzane siciliana.

Forse ti potrebbe interessare anche...

Dati statistici ISS
Bucatini all'Amatriciana
Svuota zucchine seghettato
La cucina turca

Libri consigliati:

Libro: Golosi di salute. Di Luca Montersino

Golosi di salute

Libro: Golosi di salute di Luca Montersino. Il progetto nasce semplicemente dall'unione di una grande passione quale la pasticceria e la forte...
Libro: Pasta fresca e ripiena

Pasta fresca e ripiena

Libro: Pasta fresca e ripiena. Un manuale per chi vuole sapere tutto sulla pasta fresca e ripiena, su come prepararla e renderla gustosa abbinandola...
Libro: La dieta in gravidanza. Gli alimenti più adatti e le ricette più salutari per i nove mesi dell'attesa

La dieta in gravidanza

Una mamma e il suo bambino: durante i mesi della gestazione la loro interazione è costante. I pensieri, le emozioni, lo stato di salute della donna...
Libro: La prova del cuoco. 180 piatti di mare

La prova del cuoco

Libro: La prova del cuoco. 180 piatti di mare. Il pesce conosce un momento particolarmente felice sulle nostre tavole, dopo il declino della carne...

I vostri commenti

Non ne avete azzeccata una. Se la verdura a foglia (voi fate l'esempio di spinaci e broccoli) dopo averla scottata o sbollentata non viene subito messa in acqua ghiacciata (non fredda ma ghiacciata) il colore "brillante" nemmeno con le tempere l'ho riottengono. Le patate messe in acqua acidulata diventano dure come macigni. Per tenerle bianche due modi; il migliore una pre cottura a vapore oppure se non possibile una sbollentata. I blog fateli se siete in grado.

Francesco, sei un grande cafone! Intanto tu prima di scrivere un commento impara l'italiano che certi errori neanche in prima elementare li fanno!!! Punto secondo questo non è un blog ma un sito che è nato 12 anni fa!!! È frutto di lavoro, impegno, nonchè investimento economico!!! Terza cosa, noi pubblichiamo sempre tutti i commenti dei nostri lettori e i suggerimenti e le correzioni sono sempre ben accette perché aiutano a migliorare l'informazione delle ben 5000 pagine!!! E poi chi sei per usare un tale tono???

Salve ho un problema a riguardo dei crakers che sto facendo: dopo 4-5 giorni dalla cottura, sebbene li mantenga in un contenitore ben chiuso, assumono il gusto di olio rancido; a cosa può essere dovuto? Li cuocio con un forno ventilato per circa 40 minuti a 150° (uso una temperatura così bassa per non arrivare al punto di fumo dell'olio) ed è un impasto a base i farina tipo tipo 1, farina 0, olio evo, olio di mais, sale e lievito di birra (una volta stesi li spennello con l'olio di mais). Ha qualche consiglio da darmi in merito? grazie Angela

@redazione:
il tono cafone l'avete usato voi. E poi dare del cafone ad un lettore perché vi corregge o stare a fare i pidocchi sull'italiano quando é chiaro come il sole che é colpa del correttore automatico del telefono... Io mi vergognerei.

@edoardo. È da anni che pubblichiamo ogni correzione o suggerimento e sono molto apprezzati perché migliorano l'informazione, ma sui toni abbiamo deciso di intervenire. L'educazione e il rispetto non è un optional solo perché si usa una tastiera! Massimo rispetto per i lettori educati. Buon tutto!

comunque...a prescindere dalle menate, Francesco ha ragione da vendere sulla tecnica delle verdure a foglia sbollentate ! Senza ghiacciarle immediatamente per il verde brillante ci vuole photoshop....

@Biagio. Non prescindo dalle menate. L'educazione e il rispetto sono l'inizio della competenza.

Sono d'accordo, ma detto dell'educazione e del rispetto non si parla della questione in ballo.....

@Biagio. Abbiamo aggiornato la pagina. Presto saranno visibili le modifiche. In questi 12 anni abbiamo sempre recepito positivamente i consigli e le correzioni, ma non siamo più disposti a "recepire" la maleducazione.

Bene. Grazie per il vostro lavoro.

Lascia un commento o una domanda