E-commerce nel settore food: le aziende alimentari propongono i loro prodotti online

L’Italia è uno dei Paesi nel mondo principalmente associato al settore enogastronomico e il galoppante progresso tecnologico ha fatto sì che le specialità tipiche del territorio potessero raggiungere qualsiasi parte del mondo con pochi e semplici click. Tale tendenza ha subìto un ulteriore incremento per via della pandemia da Covid-19, che ha reso più difficile per le persone girare tra i negozi alla ricerca soprattutto di quei prodotti che non si trovano facilmente nei supermercati. Infatti, i dati relativi al primo semestre del 2020 hanno registrato un incremento di ben 2 milioni di clienti online nel settore dell’alimentare, con un incremento della domanda ben 30 volte superiore ai periodi precedenti. Nonostante ciò, si tratta ancora di un settore con ampi margini di sviluppo.

Vendita online di alimenti
Lo sviluppo dell'e-commerce nel settore food

I modelli di business

Per quanto concerne la strategia di vendita dei prodotti agroalimentari sul web, possono essere individuati quattro modelli di business, che dipendono principalmente dalla tipologia di prodotto che viene venduto:

  • Prodotto autonomo: si tratta di prodotti che permettono di soddisfare un bisogno del cliente, attraverso un brand dalla forte identità. In genere, il prodotto autonomo viene commercializzato attraverso la vendita diretta.
  • Prodotti della spesa: utilizza il sistema di vendita della GDO (grande distribuzione organizzata) per fornire i prodotti alimentari, sfruttando il partner per servizi di assortimento, gestione degli ordini e logistica. In questo caso, la vendita online ricopre un ruolo di marginalità nella strategia di commercio del brand.
  • Paniere proprietario: In questo caso, una singola azienda distribuisce sul proprio e-commerce diversi prodotti per ampliare la gamma. In genere, in questo modello di business, vengono proposte confezioni o versioni differenti rispetto a quelle che si trovano nei negozi fisici.
  • Paniere in partnership: con questo tipo di business, i produttori creano un’unica presenza sul web avvalendosi di una partnership con un’altra azienda. Si tratta della soluzione scelta in gran parte da aziende che vendono prodotti che richiedono una consegna veloce, ad esempio i freschi.

Come trasferire la propria attività sul web

Se si ha un’attività nel settore agroalimentare e si vuole avviare, nel contempo, la vendita sul web dei propri prodotti è necessario focalizzarsi su alcuni punti chiave principali. In primo luogo, è necessario trovare la giusta piattaforma online su cui basare la propria attività commerciale online: alcuni provider, come la soluzione e-commerce di IONOS, offrono la ad esempio la possibilità di collegare il proprio negozio online a marketplace (Amazon, Google Shopping, etc.) e profili social (Instagram, Facebook, etc.).
In secondo luogo, bisogna trovare i clienti ai quali riferirsi. Occorre focalizzare la propria idea di business sul target di consumatori che può essere maggiormente interessato alla proposta. Ad esempio, gli Italiani che vivono all’estero e potrebbero essere interessati a riscoprire i sapori di casa. In questo caso, i prodotti devono essere pensati per fare lunghi viaggi, e devono essere offerti a un prezzo contenuto.  In genere, infatti, si tratta di prodotti di largo consumo che vengono acquistati in grossi quantitativi. Stessa cosa per chi, per comodità, fa la spesa online. La situazione cambia se si propongono prodotti più ricercati, per appassionati e per coloro che cercano un regalo speciale: in questo caso, bisogna comunicare anche attraverso il sito web la tipicità dei prodotti, la particolarità e le differenze con gli articoli che si trovano generalmente nei supermercati. Un elemento importante in questo senso è trasmettere ai consumatori l’esperienza del vero Made in Italy. Infatti, alcune persone sono ancora scoraggiate dall’acquisto di cibo mediante il web poiché non può assaggiarlo, odorarlo, controllarlo con mano. Pertanto, combattere il fenomeno dell’italian sounding è fondamentale per i venditori, ripercorrendo la filiera di produzione e rassicurando i consumatori circa la qualità dei propri prodotti.

redazione Alimentipedia

Forse ti potrebbe interessare anche...

Ambra Romani
Pollo al cocco in tempura speziata
Formaggi richiamati
Fregola sarda

Libri consigliati:

Libro: Il gusto del cinema internazionale. In 100 e più ricette

Il gusto del cinema internazionale

Oltre cento ricette e le schede dei film che le hanno ispirate in un volume che ruba allo schermo sapori e suggestioni del cinema popolare, ma anche...
Libro: La cucina Italiana. Adesso pasta!

La cucina Italiana

Ci sarà una ragione se la pasta è un alimento ormai conosciuto in tutto il mondo, il simbolo di una cucina come quella italiana che sa essere ricca e...
Cover Chef Portraits

Severino Salvemini. Chef portraits

 
Ammazzaciccia di Rangoni Laura

Ammazzaciccia

Perchè una ricetta è light e un'altra no? Mangiare light significa essenzialmente assumere meno calorie, e ciò consente di prevenire anche alcuni...

I vostri commenti

Lascia un commento o una domanda