È la settimana per la riduzione del consumo di sale. Ecco 5 trucchi per ridurlo

Quanto ne consumiamo, quanto dovremmo consumarne e come ridurlo

Dal 15 al 21 maggio si svolgerà la Settimana mondiale di sensibilizzazione per la riduzione del consumo alimentare di sale promossa dalla World Action on Salt, Sugar and Health (WASSH), Associazione con partner in 100 Paesi dei diversi continenti costituita nel 2005 per migliorare la salute delle popolazioni attraverso la graduale riduzione dell’introito di sale, fino a meno di 5 grammi al giorno (corrispondenti a circa 2 grammi di sodio), target raccomandato dall’Organizzazione Mondiale della sanità (OMS).

Meno sale più salute
Settimana per la riduzione del sale

Ditch the salt, abbandona il sale

Obiettivo principale di WASSH è quello sensibilizzare i Governi sulla necessità di una ampia strategia di popolazione multisettoriale in materia, nonché di incoraggiare le aziende alimentari a ridurre il sale nei loro prodotti, considerato che circa tre quarti del sale consumato è già presente in cibi processati e confezionati e in molti Paesi, raggiunge l'80%.

Un consumo eccessivo di sale favorisce, infatti, un aumento della pressione arteriosa, con conseguente incremento del rischio di insorgenza di gravi patologie cardio-cerebrovascolari correlate all’ipertensione arteriosa, quali infarto del miocardio e ictus cerebrale, ed è stato associato ad altre malattie cronico-degenerative, quali tumori, in particolare dello stomaco, osteoporosi e malattie renali.

WASSH dedica la settimana 2023 al tema “Ditch the salt”, cioè “Abbandona il sale”, per sensibilizzare l’industria alimentare a ridurre il contenuto di sale nei propri prodotti e ricordare a tutti di utilizzare meno sale in cucina e a tavola.

WASSH ricorda, infatti, che con solo un "pizzico" in meno di sale al giorno si potrebbero prevenire oltre 4.000 infarti e ictus ogni anno nel solo Regno Unito.

Quanto sale consumiamo

A livello globale il consumo giornaliero di sale è in media circa il doppio della quantità raccomandata dall’OMS (sono stati stimati 10.78 g/die nel 2019).
In Italia nel periodo 2018-2019 è stato riscontrato, attraverso la raccolta delle urine delle 24 ore in campioni di popolazione di età 35-74 anni residenti in 10 Regioni, un consumo medio giornaliero di sale pari a 9,5 grammi negli uomini e 7,2 grammi nelle donne, risultando inferiore a 5 grammi al giorno soltanto nel 9% degli uomini e nel 23% delle donne.
Tali valori risultano in miglioramento rispetto a quelli riscontrati nel periodo 2008-2012 (10,8 g negli uomini e 8,3 g nelle donne, con un consumo inferiore a 5 grammi al dì nel 4% degli uomini e nel 15% delle donne), sebbene restino ancora ben al di sopra di quello raccomandato dall’OMS.

Cosa fare

È fondamentale che aziende alimentari, istituzioni e cittadini proseguano l’impegno per la riformulazione dei prodotti alimentari e il minor ricorso all’utilizzo del sale in cucina e a tavola, al fine di conseguire l’obiettivo fissato dall’OMS che prevede una riduzione relativa del 30% del consumo medio di sale/sodio nella popolazione entro il 2025 rispetto a una baseline del 2010.

In particolare si possono affinare le ricette preferite o crearne di nuove, ugualmente saporite grazie a spezie ed erbe aromatiche e si può ridurre il consumo di prodotti alimentari che possono contenere molto sale (salse di soia, ketchup, condimenti per insalata, salumi, sughi pronti, cibi in scatola o precotti, ecc.).

5 azioni concrete, raccomandate anche da WASSH

Per ridurre il consumo di sale a meno di 5 g al giorno:

  1. usare erbe, spezie, aglio, peperoncino, erbe aromatiche e agrumi al posto del sale per aggiungere sapore al tuo cibo
  2. scolare e risciacquare verdure e legumi e in scatola e mangiare più frutta e verdura fresca
  3. controllare le etichette prima di acquistare per scegliere prodotti alimentari meno salati
  4. ridurre gradualmente il sale nelle ricette preferite - consentendo alle papille gustative di adattarsi
  5. non mettere a tavola sale e salse salate, in modo che anche i più giovani della famiglia si abituino a non aggiungere il sale.

Fonte: Ministero della Salute

redazione Alimentipedia

Forse ti potrebbe interessare anche...

Crema di patate e funghi porcini trifolati
Capsule richiamate
Vino Bonarda
Gilberto Rossi

Libri consigliati:

Libro: Alimentazione naturale in gravidanza

Alimentazione naturale in gravidanza

Libro: "Alimentazione naturale in gravidanza" aiuta le giovani donne a vivere la propria gravidanza in modo sereno, grazie ai molti accorgimenti e...
 I menù di Benedetta. Libro di Benedetta Parodi

I menù di Benedetta

Libro: I menù di Benedetta. Benedetta Parodi cucina per il marito Fabio e i figli Matilde, Eleonora e Diego, ma anche per tutti i telespettatori che...
Libro: Prevenire e curare la depressione con il cibo

Prevenire e curare la depressione con il cibo

Libro: Prevenire e curare la depressione con il cibo. In questo volume gli autori spiegano in modo semplice alcune realtà scientifiche come, per...
Libro: La pasta. Parliamone con cura

La pasta.

Libro: La pasta. Parliamone con cura. Storia e cultura della pasta. Il volume contiene i seguenti argomenti: Il grano; Il grano presso gli Egizi; Il...

I vostri commenti

Lascia un commento o una domanda