Alimenti surgelati: la qualità passa per il rispetto della catena del freddo

Cos'è la catena del freddo e perché è importante anche la logistica

Il rispetto della catena del freddo è un requisito fondamentale per garantire ai prodotti alimentari il meglio in termini di qualità.

Surgelati
Alimenti surgelati al supermercato

Questo processo prevede, infatti, che gli alimenti mantengano una temperatura ottimale in tutte le fasi del loro periodo vitale: dal luogo di produzione al punto vendita, passando per i processi di conservazione, di stoccaggio e di trasporto.
Va da sé che un corretto controllo della catena del freddo sia il filo conduttore di una filiera efficiente, che rispetti tutti gli standard di sicurezza e igiene alimentare previsti dalla legge. Al contrario, una gestione inadeguata o non in grado di assicurare il mantenimento della giusta temperatura determina un abbassamento della qualità delle materie prime, con effetti sul loro valore e sulla sicurezza dei consumatori.
Di conseguenza, il mantenimento della catena del freddo per i surgelati è il solo modo per non compromettere tutte le caratteristiche qualitative del prodotto originario. Il rispetto delle temperature fa sì che gli alimenti giungano sulle tavole dei consumatori in condizioni ottimali, mantenendo intatte tutte le loro proprietà originarie.

L'importanza del surgelato

Il motivo per cui una corretta gestione di questo sistema sia sinonimo di qualità risiede nella tecnica di surgelazione, un processo professionale, sensibilmente diverso rispetto al congelamento, che permette agli alimenti di raggiungere temperature molto basse (dai -18 ai -25°C) per garantire la formazione, all'interno dei prodotti, di microcristalli di acqua che non alterano la loro struttura originaria.
È così che gli alimenti, una volta riportati a temperatura normale, mantengono intatte le loro caratteristiche organolettiche, garantendo, altresì, il mantenimento ottimale di tutte le proprietà nutrizionali.
Tuttavia, affinché tutto questo sia possibile, il processo di surgelamento deve essere accuratamente tutelato in ogni suo passaggio, evitando che si verifichino brusche variazioni di temperatura.

La logistica per una corretta gestione del freddo

Nella supply chain di alimenti surgelati, ad assumere un ruolo fondamentale è la logistica, che in ambito agroalimentare si avvale di una serie di accortezze per ottimizzare il trasporto e minimizzare i tempi di distribuzione.
A garanzia di questo processo, oggi esistono soluzioni altamente efficienti come quelle proposte da STEF, azienda leader in tutta Europa, specializzata nel trasporto e nella logistica dell'agroalimentare a temperatura controllata.
Più nel dettaglio, STEF si occupa accuratamente di tutte le fasi della catena del freddo, comprese quelle operazioni di preparazione, di stoccaggio e di trasporto delle merci. Nello stoccaggio, ad esempio, i prodotti vengono allocati all'interno di apposite aree a temperatura controllata, mentre per quanto riguarda il trasporto, le merci sono caricate all'interno di veicoli idonei refrigerati e dislocati verso i centri di smistamento della grande distribuzione.
In questa fase, tutti i mezzi utilizzati dispongono di equipaggiamenti per il controllo della temperatura, che permettono di verificare che le condizioni termiche siano sempre rispettate. Naturalmente, in tutto questo processo, a giocare un ruolo fondamentale è anche la tappa finale della grande distribuzione, dove banchi frigoriferi devono poter assicurare condizioni termiche monitorabili in prossimità del punto di aerazione.

La corretta gestione del freddo: i controlli che certificano la qualità

In ogni caso, è sempre possibile verificare se la sensibilità degli alimenti surgelati abbia risentito di una inefficace gestione del fresco, il cui range di temperatura, per quanto riguarda i surgelati, può oscillare tra i -18/-25°C. Ad esempio, qualora l'involucro dei prodotti nella cella frigorifera risulti ricoperto di brina o si avverta la presenza di agglomerati anomali all'interno della confezione, il prodotto potrebbe aver subito uno scongelamento e un successivo raffreddamento, una condizione non ottimale per una corretta conservazione dei cibi.
Di conseguenza, per quanto riguarda i prodotti surgelati, termosensibili o refrigerati, solo l'expertise di aziende leader come STEF può garantire servizi di livello elevati: standard che, nel caso di STEF, sono stati premiati non solo dall'esperienza sul campo, ma anche dalla certificazione IFS Logistic per le filiali di Tavazzano e Mairano, un riconoscimento internazionale a garanzia di qualità e trasparenza nello stoccaggio e nel trasporto dell'agroalimentare.

Vedi anche Come disporre il cibo nel frigorifero.

Forse ti potrebbe interessare anche...

Champignon
Olio di oliva
Pasta dei pizzoccheri valtellinesi
Gremolada o gremolata

Libri consigliati:

Libro: Ipertensione. Consigli e ricette per la prevenzione

Ipertensione

L'ipertensione arteriosa rappresenta una condizione patologica estremamente comune: si stima che circa il 25% della popolazione adulta europea sia...
Libro: Sushi

Sushi

Il sushi, tipico della cucina tradizionale giapponese è pesce crudo servito con cilindretti di riso avvolti in alga nori. È un cibo popolarissimo in...
Macaron una tentazione irresistibile. Libro di Felder Christophe

Macaron una tentazione irresistibile

Il macaron francese, perfetto connubio di mandorle, meringa e una golosa farcitura, si presta ad una gamma di aromatizzazioni e combinazioni di gusti...
Libro: Antipasti. Ricettario per preparare anche finger food

Antipasti

Stuzzicante, creativo, fantasioso, eclettico antipasto. È il primo invito in tavola, è la portata che accoglie gli ospiti. Può anche essere...

I vostri commenti

Lascia un commento o una domanda