Fase 2, riaprono i mercati di Campagna Amica e la spesa torna contadina a Km 0

Gradualmente si abbandona la "spesa di guerra" a base di scatolette e surgelati

Con la Fase 2 ha riaperto più della metà dei farmers' market su territorio nazionale. Un momento atteso dal 59% degli italiani che nell'ultimo anno hanno fatto la spesa presso cantine, malghe, agriturismi, frantoi, o mercati degli agricoltori.

Mercato Campagna Amica
Con la fase 2 riapre la metà dei farmers' market

Il lungo lockdown per la pandemia di Covid-19 ha causato il crollo del 61% della spesa contadina in Italia. Il triste dato è emerso da un’analisi Coldiretti/Ixè presentata in occasione dell’avvio della Fase 2 dell’emergenza sanitaria che ha visto la riapertura dei farmers ‘market di Campagna Amica in tutta Italia nel primo weekend di maggio.
Il lungo periodo di quarantena ha costretto gli italiani nelle case e stravolto i consumi alimentari con il boom degli acquisti di conserve di tonno (+17%), ortaggi surgelati (+28%) e legumi in scatola (+36%) secondo i dati Ismea.
Ma dal 4 maggio è arrivato il momento atteso da quasi sei italiani su dieci (59%) che almeno una volta al mese nell’ultimo anno, hanno fatto la spesa dal contadino in frantoi, malghe, cantine, aziende, agriturismi o mercati degli agricoltori per acquistare prodotti locali, freschi e di stagione a chilometro zero direttamente dai produttori.

Con la Fase 2 è ripartita oltre la metà dei farmers’ market per una rete di Campagna Amica che mette a disposizione delle famiglie circa 1.200 mercati contadini a livello nazionale sia all’aperto che al chiuso con una varietà di prodotti che vanno dalla frutta alla verdura di stagione, dal pesce alla carne, dall’olio al vino, dal pane alla pizza, dai formaggi fino ai fiori per una spesa annua che prima dell’emergenza ha raggiunto i 2,5 miliardi di euro. Ora è atteso a breve il via libera alla riapertura per la ristorazione e l’alloggio per i 24.000 agriturismi spesso situati in zone isolate della campagna in strutture familiari con un numero contenuto di posti letto e a tavola e con ampi spazi all’aperto dove è più facile garantire il rispetto delle misure di sicurezza.

La riapertura dei mercati contadini è una opportunità anche per l’82% degli italiani che con l’emergenza sanitaria sugli scaffali cercano prodotti Made in Italy per sostenere l’economia ed il lavoro dei territori. Nei mercati e negli agriturismi di Campagna Amica sono state adottate tutte le precauzioni per garantire la sicurezza con la disponibilità di disinfettanti, l’invito a non toccare la merce e ingressi contingentati per evitare affollamenti, ma anche iniziative per la consegna a domicilio della spesa. L’arrivo delle famiglie fra i banchi degli agricoltori è un passo importante verso la normalità con i consumi che lasciano la “spesa di guerra” con scatolette e surgelati per un ritorno a una dieta mediterranea di prodotti freschi da sempre simbolo di salute e lunga vita.

Nei mercati dei contadini è possibile anche trovare specialità del passato a rischio di estinzione che sono state salvate grazie all’importante azione di recupero degli agricoltori e che non trovano spazi nei normali canali di vendita dove prevalgono rigidi criteri dettati dalla necessità di standardizzazione e di grandi quantità offerte. L’alta qualità dei prodotti più freschi, saporiti e genuini è la principale ragione di acquisto diretto dall’agricoltore per il 71% degli italiani, seguita dalle garanzie di sicurezza e dalla ricerca di prodotti locali che salgono sul podio delle motivazioni seguite dalla convenienza economica, sempre secondo l’Indagine Coldiretti/Ixè.

Le vendite dirette in Italia garantiscono lavoro e futuro a oltre 20000 persone con i mercati che oltre a essere luogo di acquisto diventano anche occasioni di educazione e cultura sono un aiuto concreto per contrastare la tendenza allo spopolamento dei centri urbani dove chiudono negozi e botteghe con evidenti effetti negativi legati alla taglio dei servizi di prossimità, ma anche un indebolimento del sistema relazionale, dell’intelaiatura sociale e spesso anche della stessa sicurezza.
Acquistare prodotti a chilometri zero è un segnale di attenzione al proprio territorio, alla tutela dell’ambiente e del paesaggio che ci circonda, ma anche un sostegno all’economia e all’occupazione locale in un momento di difficoltà” ha concluso il presidente della Coldiretti Ettore Prandini.

Vedi i mercati di Campagna Amica QUI.

Forse ti potrebbe interessare anche...

Comunicato di Coldiretti per Coronavirus
Pasqua 2020 in quarantena
DPCM 11 marzo
Logo di Slow Food

Libri consigliati:

Libro: Cuochi si diventa. Vol. 1. Di Allan Bay

Cuochi si diventa - Vol. 1

Cuochi si diventa - Vol. 1 di Allan Bay. La cucina di casa italiana è cambiata di più negli ultimi trent'anni che nei due secoli precedenti. Si pensi...
Libro: Birra. Le migliori 500

Birra. Le migliori 500

Quali sono le birre migliori? In queste pagine scoprirete la vera storia delle lager ceche e di quelle tedesche, delle trappiste e delle birre di...
Libro di Anna Moroni e Elisa Isoardi: Cucina con noi. Le nuove ricette della «Prova del cuoco»

Cucina con noi

"Cucina con noi. Le nuove ricette della 'Prova del cuoco'" di Anna Moroni ed Elisa Isoardi presenta 200 nuove ricette, direttamente provate dalle...
Libro: Le ricette della Prova del cuoco Di Antonella Clerici, Barzetti, Spisni

Le ricette della Prova del cuoco

Tante ricette proposte a sei mani da Sergio Barzetti, Antonella Clerici e Alessandra Spisni. Un libro utile da avere sempre a portata di mano con...

I vostri commenti

Lascia un commento o una domanda