di FEDERICA SPELTA. Intervista allo chef Andrea Matranga, prossimamente con Anna Falchi in Tv.

Anna Falchi con Andrea Matranga

Intervista ad Andrea Matranga

Un passo indietro...Andrea e l'esperienza in Giappone

Redazione: Ciao Andrea. Che bello risentirti!
Andrea Matranga: Ciao, bentrovata Federica.

Redazione: Andrea, la tua biografia su Alimentipedia è rimasta al punto in cui partivi per il Giappone. In che anno sei rientrato in Italia e cosa hai fatto da allora fino ad oggi di bello?
Andrea Matranga:
Rientrato? Non sono mai rientrato, almeno non definitivamente. Mi spiego: io con il Giappone ho
un rapporto molto forte, lo considero la mia seconda casa. È un posto meraviglioso e lì il mio lavoro è molto apprezzato. Collaboro sempre con il ristorante Cascina al quale sono legatissimo, spesso ci torno per organizzare eventi e fare formazione al personale e varie cene per persone importanti che richiedono
espressamente la mia presenza, ma su questo non posso dire altro per riservatezza nei confronti di una persona che occupa un posto di altissimo rilievo nella società giapponese. Collaboro anche con altre realtà del Sol Levante ma alla fine trascorro la mia vita in Italia perchè ho una famiglia e voglio dedicare
loro più tempo possibile.

Redazione: Cos'hai portato con te dal Giappone? In cosa questa esperienza ti ha arricchito? Cosa ti ha fatto tornare in Italia?
Andrea Matranga:
Ci vorrebbero ore per descrivere tutto ma cercherò di essere breve. Di certo sono partito in un modo e sono tornato migliore. Ero giovane, venivo dai villaggi turistici: gran fisico, belloccio, bravino nel mio lavoro e pensavo di avere il mondo ai miei piedi. Dopo i primi periodi di grande difficoltà, a causa della mia personalità che cozzava con la loro, fui costretto a calarmi nella loro cultura. Dapprima fu appunto una costrizione ma più passavano i giorni e i mesi e più l'apprezzavo. Aprii la mia mente a cose che non pensavo minimamente potessero appartenermi, come la calma, su questa ci sto ancora lavoando :), l'umiltà, la cura del particolare che fa sempre la differenza, del bello. Il minimalismo e l'essenzialità lì sono spesso più apprezzati di una superflua vistosità, il rispetto per gli altri, il saper fare gruppo, privilegiare l'interesse della collettività prima che del singolo. E questo purtroppo quando torno in occidente lo pago a caro prezzo sulla mia pelle. Sono convinto che se Dio avesse mai pensato di rendere
perfetto l'uomo questo sarebbe stato sicuramente un mix tra un italiano e un giapponese.

Il nuovo programma Tv "Anna e i suoi fornelli"

Redazione: Ma...abbiamo sentito che qualcosa di importante bolle in pentola. Forse un programma Tv, e forse con Anna Falchi? Ci puoi dare delle anticipazioni? Raccontaci tutto quello che "puoi" in anteprima.
Andrea Matranga: Sarò con Anna nel programma “Anna e i suoi fornelli”, in onda dal lunedi al venerdi su Telenorba canale 510 Sky e 180 digitale terrestre tutti i giorni da lunedì 3 dicembre a venerdì 8 Dicembre dalle ore 13,00 e in replica alle 19,30. Anna e io cucineremo due piatti in ogni puntata e sarà una lezione di cucina ma ci sarà tanto altro: aneddoti, battute; faremo trascorrere ai nostri telespettatori 30 minuti imparando cose nuove, ma divertendosi anche, regaleremo spensieratezza. Credo che oggi le persone ne abbiano bisogno ma non di stupidità, la linea tra queste due è assai sottile e purtroppo oggi di stupidità se ne vede tanta in tv. Potrò contare su un gruppo di autori molto competenti che provengono dalla Rai e da Mediaset. Professionisti di tutto rispetto che offrono grandissima garanzia. E poi...... Si vedrà ;)

Da La Prova del cuoco 2018/2019 a Telenorba

Andrea Matranga a Telenorba
Andrea Matranga a Telenorba

Redazione: Come è nata questa collaborazione con TeleNorba? La Rai dopo 8 anni di assenza ti aveva appena richiamato per tornare con Elisa Isoardi alla “Prova del cuoco” 2018/2019, mi risulta anche riscuotendo un buon successo di ascolti. So che contrattualmente i cuochi de La Prova del cuoco non possono presenziare in altri programmi simili pena l'esclusione, cosa ti ha spinto a prendere questa decisione drastica e coraggiosa?
Andrea Matranga: La collaborazione con Tele Norba è nata quasi per caso, anche se nella vita nulla accade per caso, vi racconto dall'inizio.
Partecipai alla “Prova del cuoco” nella stagione 2010, l'unica, prima di quella odierna, condotta da Elisa Isoardi, dopo aver superato una serie di casting. Realizzai ben 25 dirette di grandissimo successo, con picchi di ascolti oltre 22 % (oggi impensabile). Sono molto legato alla PDC ma, finita quella stagione, fui
inspiegabilmente allontanato dal programma che amavo e che amo (ne parlo con il cuore che sanguina) e non fui più chiamato.
Mi dispiacque moltissimo non aver potuto lavorare anche con la Antonellina nazionale, penso che avrei potuto migliorare tantissimo guidato da lei, ma non ebbi mai il piacere di incontrarla. Quando, dopo 8 anni di silenzio, sono stato riconvocato per la diretta a Rai 1, con pochissimo preavviso e con tutte le problematiche del caso, non me lo feci ripetere due volte, avevo l'occasione di tornare. La puntata fu mandata in onda in versione ridotta e praticamente incentrata sulla gara dei cuochi. Premetto che non sono Pippo Baudo, che manco dagli schermi Rai da tanti anni e che il mio rientro alla PDC non era stato in alcun modo pubblicizzato rispettando cosi facendo le loro direttive. Nonostante questo abbiamo fatto il record di 1.400.000 telespettatori che non hanno cambiato canale. Di fatto la puntata a cui ho preso parte è tra le prime 4 puntate più viste dall'inizio del programma (3 mesi fa) ad oggi. Ma inspiegabilmente, anche questa volta sono stato nuovamente accantonato, messo in stand by e questo significa che non sono il “cuoco di Elisa”...come di nessun altro. Speravo solo che qualcuno lo notasse e ne tenesse conto e cosi è stato. Ma non in RAI, nemmeno a parlarne. L'ha notato però uno che in Rai ha fatto la
storia, l'ex capo intrattenimento di Rai 1 Antonio Azzalini, creatore del primo Chiambretti, Furore, qualche edizione di Sanremo,Tale e Quale, Affari tuoi etc.
Azzalini oggi è il Direttore di TeleNorba che mi ha detto “Telenorba oggi per me è la Rai, voglio lo stesso atteggiamento da parte dei miei collaboratori”. Sentendo queste affermazioni mi si è aperto il cuore, il giapponese che in me era sopìto si è riacceso. Il concetto nipponico secondo il quale non
importa il tuo rango o il gradino che occupi nella scala sociale, fosse anche l'ultimo...l'importante è che tu faccia il tuo dovere con la stessa abnegazione dell'Imperatore del Giappone. Questo concetto sposa perfettamente quello espresso dal Direttore Azzalini e questo modo di pensare ha permesso a Telenorba di essere la prima emittente televisiva, tra le emittenti private, con picchi d'ascolti anche superiori ad alcuni canali Mediaset e Rai, avvalendosi della collaborazione di grandi professionisti provenienti dalle reti nazionali e di conduttori del calibro di Michele Cucuzza, con il quale ho realizzato un paio di dirette a “Buon Pomeriggio”, insieme alla bravissima Mary De Gennaro e Stefano Palatresi...E poi la mitica Anna Falchi che affiancherò in “Anna e suoi fornelli”.

Andrea Matranga a Buon Pomeriggio
Mary De Gennaro, Andrea Matranga e Michele Cucuzza a Buon Pomeriggio

Mi vedrete per la prima volta con lei tutti i giorni da lunedi 3 Dicembre a venerdi 8 Dicembre dalle ore 13,00 e in replica alle 19,30 su Telenorba canale 510 Sky e 180 digitale terrestre. Poi ovviamente da cosa nasce cosa...vedremo...di certo ci parleremo, le idee non mancano, cosi come la voglia di stare insieme. So bene che questa mia decisione probabilmente chiuderà definitivamente le porte alla PDC ma nella vita bisogna anche rischiare. Ai più sembrerà una scelta scellerata rinunciare a Rai 1 per una emittente embrionale ma personalmente non condivido, perchè la filosofia aziendale e le professionalità che ci sono in questo gruppo editoriale non sono seconde a nessuno. Con grande umiltà ed entusiasmo hanno sposato la causa TeleNorba, a conferma della grande ambizione di questa famiglia. Si perchè quando ho parlato con loro ho avuto la sensazione di un gruppo molto coeso che viaggia verso un obiettivo comune, esattamente come una famiglia. Mi auguro di poter continuare a lungo il mio percorso con loro e li ringrazio per la fiducia che mi hanno dimostrato.

Redazione: Grazie Andrea, è sempre un piacere rigenerante chiacchierare con te! Non mancheremo alla prima puntata!!! In bocca al lupo!!!
Andrea Matranga:
Grazie a voi! 

Vedi anche Chi è Andrea Matranga.

I vostri commenti

Lascia un commento o una domanda