Sanguinaccio

Detto berodo in Liguria, tradizionalmente consumato durante il periodo natalizio, periodo in cui si uccideva il maiale, è un salamino di interiora e sangue di maiale arricchito con vari ingredienti in base alle tradizioni culinarie della regione in cui viene preparato. Si presenta di colore marrone. Esiste anche il sanguinaccio dolce, crema dolce a base di cioccolato fondente amaro.

Utilizzo principale

Si consuma rosolato in padella con cipolla.

Lavorazione

Il sangue di maiale, mescolato in parti uguali con latte fresco, viene condito con pinoli, sale, pepe e/o animelle. Si insacca il tutto nel budello di maiale e l'insaccato finale, legato con lo spago assume la forma di salamini. All'impasto si aggiungono sottoprodotti della macellazione del maiale e aromi. Dopo che è stato sottoposto a cottura il sanguinaccio viene fatto raffreddare a temperatura ambiente prima di metterlo in frigorifero.

Reperibilità

Non facilissima.

Varianti regionali

Nella cucina calabrese

È conosciuto col termine di "sangiari". Viene preparato con il sangue di maiale, più l'aggiunta di ricotta o vino cotto.

Nella cucina ligure

Conosciuto col termine dialettale di berodo, l'insaccato è preparato con l'aggiunta di pinoli, sale, latte non scremato e cipolle.

Nella cucina toscana

Si prepara secondo la ricetta del mallegato o biroldo con l'aggiunta di varie spezie, tra cui i semi di finocchio selvatico.

Nella cucina piemontese e lombarda

Si mescola il sangue del maiale a pane e/o patate e spezie e viene denominato marzapane (da non confondere con l'omonimo dolce di mandorla tipico di Sicilia e Puglia).

Nella cucina pugliese (lu sangunaz) e siciliana (sangeli)

Per la preparazione viene usato l'intestino, che cotto con del sangue messo all'interno viene tagliato a fettine e mangiato.

Nella cucina alpina

Il sanguinaccio (sanganèl in friulano, boudin in valdostano, birölt in Alta Valtellina) si consuma cotto insieme colla polenta.

Nella cucina lucana

Esistono diversi tipi di sanguinaccio a seconda delle zone. Nella zona del Vulture, viene preparato con l'aggiunta di cioccolato fondente, vaniglia, cacao amaro e cannella. Vi è un'altra variante regionale che è composta da friselle tritate, biscotti secchi, riso, miele, caffè, cioccolata fondente e uva sultanina.

Celiachia

Chiederne gli ingredienti al produttore.

Nella storia

Il sanguinaccio è un prodotto povero che affonda le sue radici nei secoli pre-cristiani, quando Roma dominava la val Polcevera, la valle dei porci appunto. La sua produzione, ancora non molti anni fa, era esclusiva prerogativa femminile mentre gli uomini procedevano alla macellazione del maiale, nelle cucine le donne preparavano e cuocevano il sanguinaccio da offrire durante la festa del maiale.

Anche detto

Berodo in Liguria.

 

I vostri commenti

vorrei assaggiare il sanguinaccio piemontese mi pui indicare negozzi oaziente che possono spedire il prodotto a casa? grazie BUON ANNO

Lascia un commento o una domanda