Pezzonia o occhione

La pezzonia (Pagellus bogaraveo), conosciuto anche come occhione, pezzogna, besugo, occhialone, mupo e rovello è particolarmente ricercato per la straordinaria bontà delle sue carni, è infatti oggetto di pesca professionale intensiva. Appartiene alla famiglia Sparidae. Tipica è la preparazione all'ìacqua pazza, ma è ottima anche alla brace, ideale per regimi dietetici in quanto è un pesce magro.

Testa del pesce pezzoniaHa l'aspetto tipico degli da sparidi con corpo alto ed appiattito lateralmente, con occhio molto grande. È di colore rosso su dorso e fianchi negli adulti mentre nei giovani è argenteo. Si distingue soprattutto dalla macchia scura, presente più o meno in linea con l'occhio. La taglia supera i 60 cm.

È una specie molto apprezzata sui nostri mercati, e più ancora, nei Paesi europei che si affacciano sull’Atlantico.

Viene commercializzata sia fresca che congelata.

Pesca

Si cattura sia con reti che con lenze e palamiti.

Come si cucina la pezzogna

La pezzogna o occhione è ottima alla brace, al cartoccio o "all'acqua pazza ". Sicuramente è quindi un alimento da tenere in seria considerazione nel proprio menu settimanale.

Ricetta Pezzogna all'acqua pazza

Pezzogna all'acqua pazza

Ingredienti per 4 persone

  • 1 pezzogna da 1 kg freschissima
  • 4-5 pomodorini
  • Aglio, olio, peperoncino
  • Prezzemolo
  • 1 bicchiere vino bianco

Preparazione:

  1. Pulite e salate il pesce all’interno
  2. In una padella grande far imbiondire l’aglio con il peperoncino
  3. Aggiungere i pomodorini, il pesce, il vino bianco, un bicchiere d’acqua
  4. Cuocere coperto per venti minuti
  5. Servite caldo

È una specie diffusa nel mar Mediterraneo e nell'Oceano Atlantico orientale tra la Mauritania a sud e le isole Orcadi e la Norvegia a nord. È l'unica Specie di sparidi diffusa e comune nei mari dell'Europa settentrionale.
Vive a profondità notevoli (fino ad 800 m) su fondi mobili e si incontra spesso sulle secche al largo. I giovani possono essere (relativamente) più costieri.

Rientra tra le specie non grasse e di alta digeribilità. Cento grammi contengono circa 100 Cal,15 g di proteine,1 gr di carboidrati, 4,4 gr di grassi (prevalentemente polinsaturi).

Curiosità

Si tratta di una specie molto apprezzata fin dall'antichità, come dimostrano alcune raffigurazioni presenti nei mosaici di Pompei antica.

 

I vostri commenti

Lascia un commento o una domanda