Nepetella

Nepitella o mentuccia
Nepetella

Questa erba aromatica è detta anche nepitella, nepetella, nepeta, mentuccia, mentastro. È simile alla menta nell'aroma, viene utilizzata in cucina per aromatizzare, carne, pesce, funghi e specialmente i carciofi. Tra le varie proprietà, regolarizza l'intestino e aiuta a mantenere il benessere di tutto l'organismo. Se ne usano sia i fiori che le foglie; tutta la pianta è comunque piuttosto aromatica. Le sue foglie sono ovate, con il margine che può essere leggermente dentellato. I fiori sono singoli ed appariscenti di colore violetto. Vedi anche La menta.

Nepetella in cucina

Viene usata per dare aroma a piatti di carne, pesce, funghi e specialmente usata con i carciofi. La si mangia anche cruda in insalata, con pomodori, olio, sale o origano. Ottima in padella con la soia, e sulla pizza al posto del basilico. La pasta alla trapanese è una ricetta a base di spaghetti o rigatoni conditi con "neputedda", pomodorini a ciliegina e aglio. La nepetella (mentuccia) con olio, aglio, e salsa di pomodoro cotti per qualche minuto diventa un ottimo e semplice condimento, soprattutto adatto per il bollito (carne lessa).

Altri utilizzi

Per le sue proprietà terapeutiche essicata è utilizzata in erboristeria come essenza per tisane riposanti e nutrienti. La si può anche frullare per ricavarne ghiacciati drink dissetanti e disintossicanti.

La pianta

La Calmintha nepeta è una pianta perenne aromatica cespugliosa, legnosa alla base, con fusti eretti, ramosi, alti circa 20-50 cm. Le foglie sono piccole, ovate ed acute, con margini lineari o leggermente dentellati. Le mente propriamente dette portano infiorescenze rotondeggianti con i fiori ravvicinati, mentre la mentuccia o nepetella, sfoggia fiori rosa, violetti con la caratteristica forma a bocca, tipica delle Labiate. Fiore della Calmintha nepeta

Fiorisce da giugno a ottobre. Da non confondere con la Mentha pulegium. In alcune zone d'Italia, infatti, tra cui Roma e Lazio, la Mentha pulegium, per questo detta anche "menta romana", viene anch'essa impropriamente denominata mentuccia. Le due specie si possono facilmente distinguere dall'infiorescenza: a sviluppo verticale con fiori singoli quella della nepetella, tondeggiante con fiori ravvicinati quella della M. pulegium. Alcuni autori la classificano nel genere Satureja, quello che comprende la santoreggia.

Come coltivare la nepetella sul balcone

Vaso di nepetellaÈ una pianta coltivabile in vaso per averla sempre fresca a disposizione.

Esposizione

Gradita sia la posizione soleggiata sia a mezz'ombra.

Semina

Coltivazione della nepetellaIn primavera si può procedere alla semina, che è meglio avvenga direttamente in terra, in quanto se le piante vengono trasportate l'aroma che fuoriesce da eventuali radici spezzate attrae i gatti che devastano le piantine. In primavera si può procedere alla divisione dei cespi. Una volta avvenuta la ripresa vegetativa è il momento di staccare eventuali talee.

Raccolta

le foglie e i fiori della Nepeta vanno raccolti durante il periodo della fioritura. Per conservarla si può essiccare dopo averla legata a mazzi ed appesa in luogo fresco ed asciutto. Conservare al riparo della luce e all'asciutto.

Stagionalità

La sua stagione è l'estate.

Reperibilità

Non facile.

Ricette consigliate

Piatto tradizionale marchigiano legato alla cucina povera, è la frittata con la mentuccia, considerata la pietanza che non doveva mai mancare nella prima colazione della mattina di Pasqua.

Rimedi della nonna

Per guarire piccole escoriazioni, le nonne applicavano le foglie fresche di nipitella, pestate, sulla parte interessata.

Zona di origine

Originaria dell'Europa mediterranea.

Zona di coltivazione

È diffusa in quasi tutta l'Italia, specialmente nelle zone montane, nei boschi, nei luoghi freschi, nei terreni incolti con terreno calcareo, fino a 1.500 metri. Nei luoghi erbosi dell'Elba è molto diffusa. È presente anche in Asia centrale e Nordafrica.

Proprietà della nepetella

La nepetella era usata comunemente come erba medicinale in tempi medioevali, ma ora è meno usata dagli erboristi moderni. È ricca di fibre, regolarizza l'intestino, e aiuta a mantenere il benessere di tutto l'organismo.

Tutte le parti della pianta hanno proprietà aromatiche, diaforetiche, espettoranti, febrifughi e stomachiche. Gli infusi ottenuti con le foglie sono benefici in caso di flatulenza e debolezza di stomaco, aiuta la digestione e stimola le funzioni epatiche. È usata anche contro la depressione, l'insonnia e i dolori mestruali. L'olio essenziale, ricavato dalle foglie, conferisce alla mentuccia proprietà antibiotiche. Usare con cautela e solo su prescrizione del medico o dell'erborista.

Celiachia

Non contiene glutine.

Controindicazioni

Non deve essere assunta durante la gravidanza in quanto in dosi eccessive può causare l'aborto.
Le viene riconosciuto un discreto potere eccitante sul sistema nervoso tanto che abbondanti bevute di infusi possono provocare tachicardia.

Tabella nutrienti

Nutriente Valore
Calorie 10 Kcal

Valori per 10 foglie.

Origine del nome

Il nome  il nome del genere nepeta e quello specifico nepetella, derivano dal latino “nepa” = serpente, in quanto gli antichi credevano che una delle specie di questo genere avesse le proprietà curative contro il morso dei serpenti.

Curiosità

La Nepitella era legata, nel passato, a proprietà curative molto fantasiose, tra le quali di guarire l'elefantiasi e sul finire dell' 800 si credeva che gli animali che brucavano la Nepitella assumessero un'aspetto più vivace. I suoi cespi per il profumo deciso che emanano sono molto amati dalle api e dai gatti che solitamente vi si coricano sopra.

Modi di dire e proverbi

"La panzanella non è bella se non c'è la Nepitella."(detto popolare elbano).

Anche detto

Nepitella, nepetella, nepeta, mentuccia, mentastro, nebbeda, calaminta, erba gattaia.

Dialetti

Gli isolani dell'arcipelago delle Lipari la chiamano "neputedda".