Muffins al cioccolato
Tempo: 
50 minuti
Bambini: 
adatto ai bambini
Celiachia: 
contiene glutine
Difficoltà: 
molto facile

Dolcetti tradizionali inglesi e americani ideali per la prima colazione o la merenda. Facili e veloci da fare, sono pronti in 40 minuti. Esistono varianti anche salate. Sono simili al plum cake, di forma rotonda con la cima a calotta semisferica senza glassa di rivestimento. Si possono prepare con ripieno di mirtilli, cioccolato, cetrioli, lampone, cannella, zucca, noce, limone, banana, arancia, pesca, fragola, mandorle e carote. In genere esistono dei muffin che si tengono in un palmo della mano e si consumano in un sol boccone. I muffins americani, come quelli inglesi, possono essere dolci o salati. I primi vengono preparati con lievito chimico in polvere (o bicarbonato), mentre quelli inglesi con lievito madre o di birra. La ricetta che di seguito vi proponiamo è stata provata da Alimentipedia e realizzata con successo.

Ingredienti: 
Burro
120
gr
fondente 70%
100
gr
Zucchero semolato
200
gr
Latte vaccino
250
ml
Vanillina
1
bustina
200
gr
Lievito
per dolci, mezza bustina
1
pizzico
Zucchero a velo
per decorare, facoltativo
qb

Per 10/12 muffins.

Istruzioni: 
  1. Accendere il forno a 180°, imburrare 8-10 stampini per muffin di 6 cm e mezzo di diametro, nel caso si usino i pirottini di carta non c'è bisogno di imburrare.
  2. Sciogliere a bagnomaria il cioccolato fondente con il burro; mescolare in continuazione fino a che i due composti non siano completamente omogenei. Togliere la casseruola dal fuoco e fare raffreddare.
  3. In seguito aggiungere lo zucchero, l'uovo leggermente sbattuto, il latte e la vanillina.
  4. Da ultimo, incorporare la farina setacciata con il lievito e una presa di sale. Mescolare con delicatezza il minimo indispensabile finchè tutto sia amalgamato.
  5. Dividere il composto negli stampini per muffins o nei pirottini. Facendo attenzione a riempirli per circa 3/4.
  6. Porre in forno per mezz'ora finchè non saranno ben lievitati e non avranno assunto un colore dorato in superficie.
  7. Aprire il forno e lasciare riposare i muffins negli stampi per 5 minuti. In seguito sfornarli e lasciarli raffreddare.
  8. Spolverare con zucchero a velo.

Pirottini e stampi da muffin

I pirottini di carta sono molto comodi perchè non vanno imburrati e offrono una presentazione più graziosa. Se si vuole invece evitare lo spreco, si possono utilizzare gli stampi appositi che però vanno imburrati. Se si scelgono i pirottini di carta è consigliabile usare quelli con il bordo rinforzato che possono essere messi direttamente su una placcca da forno senza essere inseriti negli stampi. Attenzione sempre a non riempirli fino al bordo perchè i muffins, data la presenza del lievito, in forno lievitano.

Suggerimenti

Se si preferisce un dolcetto più soffice si può sostituire la farina con la fecola di patate.

Il nome

Il nome è di origine incerta: ci sono versioni che ipotizzano derivi dalla parola francese “mouflet”, una sorta di pane molto soffice, o da quella Germanica “muffen”, nome di una specie di torta.

Origine e Storia

Il muffin americano fu creato intorno al 1800, mentre quello inglese nel X - XI secolo in Galles. Oggigiorno sono apprezzati a livello internazionale.

Originariamente i muffins venivano preparati e consumati dai domestici dell'alta società dell'Inghilterra Vittoriana. Inizialmente, il fornaio di famiglia preparava, ad uso e consumo esclusivo della servitù, dei muffins utilizzando il pane rimasto dal giorno prima e i ritagli di impasto dei biscotti, il tutto lavorato con delle patate schiacciate. L'impasto veniva fritto su di una piastra trasformandolo in muffins leggeri ed, allo stesso tempo, croccanti.
La bontà dei muffins venne presto scoperta dai padroni di casa e, via via, da tutte le classi sociali dell'epoca, divenne il dolce preferito per l'ora del tè.
Muffin menFurono così apprezzati dalla popolazione inglese che furono creati un gran numero di forni dedicati alla loro produzione, e per strada si potevano incontrare i cosiddetti “Muffin men” (disegno a lato) ovvero gli uomini dei muffins che vendevano i propri muffins prendendoli da vassoi di legno appesi intorno al collo.
Per l'ora del tè, nelle case e nei clubs, i muffins inglesi venivano aperti a metà e tostati direttamente sul fuoco e serviti come accompagnamento, appunto, al tè.

L'importanza culturale dell'uomo dei muffins nella società inglese divenne evidente quando fu dedicata, a questa figura tipica, una ninna nanna intitolata appunto “Oh, do you know the muffin man” (Oh, conosci l'uomo dei muffins).

La popolarità dei muffins inglesi raggiunse l'apice in Gran Bretagna negli anni appena precedenti l'inizio della I Guerra Mondiale.

Oggigiorno per muffins s'intende un pane confezionato in monoporzioni.
Ancora oggi, si possono distinguere due tipi di muffins: quello inglese e quello americano.

Muffins Inglesi

Muffins inglesiI muffins inglesi sono piatti, a forma di disco e presentano, solitamente, avvallamenti e crepe. Vengono cotti tradizionalmente sulla griglia. I primi muffins inglesi venivano modellati a forma d'anello e posti direttamente sul fuoco o sul fondo di una padella.

Muffin USA

Muffins d'origine americanaI muffins d'origine americana, invece, sono dei dolci cotti in stampi monoporzione. A differenza dei muffins inglesi, quelli americani, necessitano dell'ausilio di stampi per la loro preparazione poiché l'impasto risulta essere più una pastella che un vero e proprio impasto.

Questi muffins, originariamente, lievitavano grazie all'utilizzo di carbonato di potassio, il quale produceva biossido di carbonio nella pastella, il quale venne, intorno al 1857, sostituito dal lievito in polvere, nato proprio in quegli anni.

Corn muffin

Corn muffinIl Corn muffin è un dolce statunitense al gusto di mais. Esistono alcune varianti salate, come i "cornbread muffins". Tre Stati Americani hanno, persino, designato il proprio muffin ufficiale, nello specifico lo stato del Minnesota ha designato come muffin ufficiale il muffin ai mirtilli, lo stato del Massachusetts ha adottato il muffin di mais e lo stato di New York il muffin alle mele.

 

I vostri commenti

Lascia un commento o una domanda