Hiro Shoda

Conosciuto come chef Hiro, Hirohiko Shoda in pochi anni ha saputo farsi amare dagli italiani grazie alla sua spontaneità, simpatia, purezza d’animo e professionalità. Approdato in Tv su Gambero Rosso Channel nel 2013, con il programma dal titolo Ciao Sono Hiro, oggi è presente anche su rai 1 a La Prova del Cuoco. In Italia da nove anni Hiro ha molte passioni oltre la cucina, adora l'arte e la musica e soprattutto un amore immenso per la sua fidanzata romana Letizia Castroni, suo braccio destro nell'organizzazione dei suoi impegni lavorativi. Non ha un ristorante suo, ma è possibile partecipare ai suoi corsi.

La storia di Hiro

Hirohiko Shoda nasce a Nara, in Giappone il 5 febbraio 1977.

Un giapponese, occidentale dalla nascita

Fin da piccolo si scopre attratto dalla cultura occidentale, tanto che la sua cameretta è l’unico locale della casa ad essere arredato all’occidentale.

L'amore per la cucina

La passione per la buona tavola Hiro la manifesta sin da piccolo, trascorrendo il suo tempo a guardare la mamma mentre cucina, ammirando il rispetto e l'amore che lei stessa nutre per gli ingredienti e durante i mesi estivi aiutando il nonno nella coltivazione della terra e nella cura di fiori e piante. Ma non solo. Hiro da sempre ha un'altra grande passione, la musica!
Questi primi amori di Hiro si radicano in lui tanto da essere oggi i capisaldi della sua cucina e della sua vita.

Gli studi e i primi passi come cuoco

La sua formazione inizia all’Accademia di Cucina in Giappone e a diciannove anni, per circa dieci anni, lavora in un noto ristorante italiano di Osaka come Capo Chef.

Hiro sbarca in Italia

Arriva in Italia poco meno che trentenne e si stabilisce a Padova per lavorare presso il ristorante stellato Le Calandre dei fratelli Alajmo, dove si ferma per circa sette anni.

In Italia anche l'amore

Hiro con la fidanzata Letizia Castroni Il suo cuore oltre che battere per la cucina italiana, dal 2013 batte per Letizia Castroni, che da semplice estimatrice diventa la sua compagna e tra loro nasce un connubio perfetto di amore e lavoro.
Nella foto Hiro con Letizia.

Hiro in Tv

A Gambero Rosso Channel

Hiro a Gambero Rosso ChannelÈ grazie a Letizia che Hiro approda alla tv conducendo la trasmissione su Gambero Rosso Channel (foto a sinistra) col programma Ciao sono Hiro, dove presenta piatti in cui magistralmente riesce ad esaltare gli ingredienti nella loro purezza, bellezza, complessità, il tutto senza fuoco.
Hiro Shoda a Gambero Rosso

Hiro racconta di essere un appassionato della materia prima. Ama combinare gli alimenti nel piatto, accostandoli con originale delicatezza e riuscendo così a valorizzare al massino il gusto, il colore la forma e l'accostamento dell'ingrediente nella sua essenza naturale.

A La prova del cuoco

Hiro Shoda a La prova del cuoco 2016Oggi Chef Hiro è impegnato, oltre che su Gambero Rosso Channel, anche a La prova del cuoco su Rai 1. La sua è una presenza discreta e gioiosa. Il pubblico lo apprezza per la naturalezza con cui cucina i suoi piatti, utilizzando ingredienti della cucina giapponese per la preparazione di prelibatezze non del tutto definibili come orientali

Hiro Shoda con Antonella Clerici ed. 2016/2017È evidente la simpatia che Antonella Clerici nutre nei confronti di Hiro. Del resto, è impossibile non apprezzare la sua spontaneità, la pronuncia esotica e la sua solarità, oltre che la chiarezza con cui spiega le ricette e la capacità di renderle realizzabili in ogni cucina italiana con ingredienti nostrani.
A destra Hiro con Antonella Clerici a La prova del cuoco, settembre 2016.

Altri impegni

Hiro non ha un ristorante, ma oltre che in tv è possibile incontrarlo in vari showcooking e corsi di cucina.

La cucina come arte

La preparazione di un piatto per chef Hiro è come la creazione di un’opera d’arte. Il cibo e gli alimenti sono per lui come il tratto di un grande pittore, dove luce, colori, naturalezza combinati insieme danno origine a qualcosa di artistico di inspiegabile, ma magnifico.
Picasso, Klimt, Mirò, Pollock, sono tra i suoi artisti preferiti, ai quali la sua cucina si ispira.

Piatto di Hiro Shoda, capasantaChef Hiro cerca gli ingredienti, li annusa, li seleziona, li osserva, li studia. Come un vero artista nella sua mente si forma l’immagine del piatto, il disegno che poi diventa ricetta.

Hiro ama la cucina crudista, quella che esalta la materia prima nelle sue armonie e discordanze.
Come il musicista crea armonie con le note, così lo chef crea una melodia per il palato, un piacere per gli occhi, un solletico per i sensi, senza stravolgere la purezza dell'alimento.
Le “note” di Hiro sono gli ingredienti, la natura stessa lo è, lo chef è soltanto il tramite tra l'alimento e chi lo assaggerà, il musicista che regala un accordo bellissimo al suo pubblico.

Nella foto: Capasanta con salsa di mandorle, schiuma di latte di cocco alla curcuma, peperoncino e lime.

Il libro: Ciao sono Hiro

La ricetta: Ravioli ripiegati con uova di salmone

Ravioli ripiegati con uova di salmone di Hiro ShodaIngredienti per 4 persone

Per i ravioli

  • 500 g di farina di semola
  • 4 uova

Per la tartare di pesce

  • 12 scampi
  • 12 gamberi rossi
  • 100 g di filetto di dentice
  • sale
  • olio d'oliva extravergine
  • succo di limone

Per la salsa di scampi e gamberi rossi

  • 20 carapaci di scampi e gamberi rossi
  • 100 g di vino bianco
  • sale
  • acqua naturale
  • olio d'oliva extravergine
  • 100 g di pomodorini datterini
  • gambi di prezzemolo
  • lecitina di soia

Per la finitura

  • 40 g di uova di salmone
  • germogli di shiso e crescione

Preparazione

Come fare i ravioli

  1. impastare la farina di semola e le uova
  2. far riposare l'impasto per 30 minuti
  3. stendere la pasta, stampare con coppapasta 8cm
  4. in una pentola con acqua salata bollente, cuocere la pasta stampata
  5. scolare bene e mantecare nella padella con l'olio d'oliva extravergine e l'acqua di cottura.

Come preparare la tartare di pesce

  1. pulire e tagliare a pezzettini i pesci, condire con tutti gli ingredienti.

Preparazione della salsa di scampi e gamberi rossi

  1. pulire e lavare bene i carapaci di scampi e gamberi rossi
  2. in una pentola rosolare leggermente con l'olio d'oliva extravergine, sfumare con il vino bianco.
  3. aggiungere tutti gli ingredienti, cuocere per 10 minuti, filtrare con lo chinois.
  4. ridurre fino ad ottenere una salsa densa, lasciar raffreddare.
  5. aggiungere la lecitina di soia, frullare con il mixer aggiungendo l'olio d'oliva extravergine.

Come impiattare

  1. deporre la tartare di pesce sulla sfoglia e ripiegare in un quarto
  2. in un piatto da portata, mettere i ravioli ripiegati
  3. aggiungere la salsa di scampi e gamberi rossi
  4. mettere le uova di salmone e i germogli di shiso e crescione.

Alimentipedia ringrazia Letizia Castroni per la cortese concessione della ricetta e della foto.

Luogo di nascita: 
Nara
Giappone
Data nascita: 
05/02/1977
 

I vostri commenti

Lascia un commento o una domanda