Francesco Fichera

Francesco Fichera, classe 1977, ama la cucina tradizionale, rivisitandola con passione e continua ricerca per l'ingrediente perfetto. Patron del ristorante "Fichera by Shakti", ad ottobre 2012 ha partecipato a "La caccia al cuoco" della nota trasmissione "La prova del cuoco" su RAI1. Il 19 Ottobre 2012 parteciperà alla semifinale.

Diplomato alla scuola serale in ragioneria, Francesco ha vissuto in una casa dove la cucina è sempre stata il fulcro di tutto, ogni occasione, anche la più banale, era la scusa per mettersi ai fornelli. "Fin da piccolo preferivo passare del tempo in cucina con la mia famiglia piuttosto che andare a giocare. Il gusto, l’olfatto, le consistenze, lo sfrigolio delle pietanze in cottura, la sensazione viscerale di avere le mani immerse nella farina o nella selezione dei vari tagli di carne o pesce sono sensazioni che mi hanno sempre dominato e formato, ricordi indelebili resi concreti nel tempo. Ho avuto un padre che ha sempre visto la tavola con il gusto di chi vive la scoperta in maniera scientifica e una madre che non si è mai fermata davanti ad ogni sfida che lui le poneva."

Ha fatto molti viaggi sin da giovanissimo entrando in contatto con tante culture. Importanti sono state le esperienze in Germania, Inghilterra, Olanda, Croazia, Polonia, Repubblica Cieca. Illuminanti sono state la Svezia e la Spagna. Decisiva per la ricerca sulla cucina primordiale e le tecniche di alta temperatura è stata l’India.

La cucina di Francesco Fichera

Francesco FicheraLa definisce: "Istintiva, semplice, gustosa e in grado di regalare emozioni che durino nel tempo".

Usa tecniche di cottura primordiali ed alte temperature senza essere assolutista, la cottura deve rispettare le caratteristiche di ogni prodotto.

"Sono convinto che il futuro della cucina non sia in caramelle messe in forno dalle quali esca dopo 3 secondi un brasato, ma sia; prendere di buono quello che la ricerca ad oggi ci ha dato in termini di consapevolezza, ed applicarlo a quello che le nostre nonne ci hanno tramandato senza interrompere quei ritmi vitali che fanno di questo mondo un posto perfetto in cui vivere".

Fa una grande ricerca anche nella sfera legata alla chimica scaturita da alcuni accostamenti, principalmente allo scopo di riuscire a mantenere il gusto originale della tradizione ma eliminandone la pesantezza. Privandolo di sali aggiunti e riducendo al minimo i grassi.

I piatti forti

I secondi sono i suoi preferiti, a cui non fa mai mancare il suo fondo bruno.

Tre sono i piatti che più di tutti hanno riscosso consenso e grande successo: il raviolo di coratella ai carciofi con crema d’intruso, il raviolo di tonno a punta di coltello con frutta secca e finocchietto selvatico all’acqua di mare e crema di pecorino romano, filetto di maialino porchettato, lardellato in secreto con tortino di caponatina e pesto di rucola.

Ingredienti preferiti

Adora il quinto quarto e la cucina di recupero in generale.

Il ristorante “Da Fichera by Shakti”

Logo del ristorante Da Fichera by ShaktiSi trova a Longiano in provincia di Forli-Cesena. Dal 2010 è nel pieno centro storico, a metà tra il Castello Malatestiano, risalente al XIII sec., ed il Teatro Petrella. La sua cucina racconta metodi e tecniche di cottura della tradizione italiana e in particolare quella Laziale.

Una cucina che fa della ricerca sulla materia prima l’elemento distintivo. Produce dal pane alle paste sino alla pasticceria, il tutto con l’amore e la cura di un tempo. Utilizza un metodo innovativo ispirato ad una tecnica millenaria per le cottura con vera brace di legna.

Sala del ristorante Da Fichera by ShaktiIl ristorante, ispirato ad una sofisticata semplicità, caldo ed accogliente è caratterizzato da tre ambienti distinti che raccontano in sala la medesima attenzione al dettaglio che ricerchiamo in cucina regalando emozioni che stimolano tutti i sensi, dalle fragranze per i vari ambienti alla diffusione musicale, studiata e diversa per i locali; sale, cantina e bagni il tutto unito ad una rete di monitor che incorniciati come quadri fanno entrare il commensale direttamente nel dettaglio delle preparazioni della cucina, da la possibilità di poter godere del piacere di un pranzo veloce tra amici o di lavoro, di una cena di gruppo o di una cenetta romantica .

Il suo motto in cucina

"Divertimento! Che non significa confusione ma gioia per quello che si fa", così dice Francesco.

Il piatto realizzato a La prova del cuoco

Ottobre 2012. "Pansotti alla salsa di noci con croccante di parmigiano e noci di San Martino".

Qualche notizia "privata"

La sua famiglia

Francesco Fichera con la sua famigliaÈ sposato dal 2003. Dopo due anni dal matrimonio sono arrivati due bellissimi bimbi, i suoi "gioiellini".

Della moglie Francesco parla con amore e ammirazione, palpabilmente sinceri e profondi.

Dice di lei: "Mi completa! Raccontare un dettaglio di cosa, tuttora, quotidianamente, mi affascina di lei, significherebbe non dare senso a l’universo sconfinato che rappresenta".

Hobbies e interessi

Cresciuto vicino al padre nella sua officina meccanica, ha una spiccata passione per il mondo dei motori ed in particolare per le moto con le quali ha anche fatto qualche gara a livelli italiani e ha gestito un team europeo. Le sue altre grandi passioni sono: la scrittura, attualmente sto portando avanti un progetto per un libro sulla cotture primordiali in un incrocio tra amore cucina e filosofia; la musica, la lettura fonte di continua crescita interiore e adora la fotografia.

Luogo di nascita: 
Roma
Italia
Data nascita: 
02/04/1977
 

I vostri commenti

vaii france ti stimo un mucchio sei il migliore full power ciao gallo

Lascia un commento o una domanda