Per festeggiare il Natale con i propri cari non c’è niente di meglio che organizzare il pranzo a casa. Per alcuni questo potrebbe essere uno stress, eppure si tratta solo di: organizzazione. Con un buon piano e il rispetto della propria tabella di marcia, infatti, sarà possibile godersi la festa al meglio e fare una bellissima figura.
Il motto dell’organizzazione perfetta di un pranzo di Natale a casa deve essere: non rimandare a dopo quello che puoi fare adesso. Sei pronto a stupire i tuoi commensali? A seguire un piano rigoroso? A goderti la festa? Vediamo passo per passo come fare per organizzare tutto al meglio.

Consigli per il pranzo di Natale

Come scegliere il menù?

La prima cosa da fare per il pranzo di Natale è quella di decidere il menù da proporre. Per farlo è necessario sapere se qualcuno dei commensali ha esigenze particolari: se ci sono celiaci, intolleranti o vegani. Se capita che ci siano particolari esigenze in molti casi è preferibile adattare il menù per tutti, per non dover faticare nel preparare e servire troppi piatti diversi. Nella scelta delle ricette è meglio non scegliere cose troppo complicate o particolari, per essere sicuri che piacciano a tutti e per rendere tutto più facile.

Quali piatti preparare?

Risotto alla zucca
Ci sono alcuni piatti che nonostante la loro semplicità, sono molto raffinati e gustosi: una pasta corta zucchine e gamberi, un risotto con la zucca (nella foto sopra), una lasagna classica, per esempio, non costeranno grande fatica e riscuoteranno sicuramente successo. Per i secondi la questione diventa un po’ più complicata nel senso che la semplicità di esecuzione dipende molto dalla propria esperienza. Vale sempre e comunque la regola di non mettersi a sperimentare nuove ricette mai cucinate prima (le pizzerie d’asporto non lavorano il 25 Dicembre). Per l’antipasto e per il dolce sarà sufficiente proporre cose già pronte: taglieri di affettati, sottaceti, la classica semplice bruschetta come antipasto e il panettone di pasticceria come dessert. Ricordate inoltre di scegliere buoni vini e ben abbinati.

Preparazione del pranzo

Soprattutto nella preparazione, l’organizzazione è un elemento fondamentale. La spesa va fatta con anticipo, ma non troppo perché gli ingredienti devono essere freschi. Per trascorrere il più tempo possibile con i propri commensali e godersi la festa, la cosa migliore è preparare quanto più possibile le cose con anticipo. La sera prima quindi è bene tagliare, porzionare e preparare le pietanze che si possono tranquillamente conservare un giorno in frigorifero.

Come allestire la tavola?

Per avere una tavola Natalizia calda e allegra, non occorrono grandi cose, ma sono sufficienti piccoli dettagli ben disposti. Una tovaglia rossa o bianca, anche tinta unita, potrà arricchirsi di luce nuova semplicemente con dei runner rossi o dorati, con dei sottopiatti preziosi e/o con un centrotavola a tema. I piccoli dettagli (quasi) immancabili sono: le candele e i tocchi di rosso. Entrambi sono essenziali per riscaldare l’ambiente e creare la giusta atmosfera. I tocchi di rosso possono essere anche dati da piccoli rametti di agrifoglio o da chicchi di melograno, che sono anche di buon augurio.

L’essenziale per la singola postazione

Ogni commensale dovrebbe avere un bel sottopiatto, le adeguate posate in base al menù prescelto, un bicchiere per l’acqua, un calice per il vino e il tovagliolo. Per l’occasione tirate fuori il servizio più bello e, se ne avete, utilizzate accessori a tema. In caso contrario è sufficiente un tovagliolo rosso o un segnaposto fatto con un rametto di abete, di agrifoglio o con una decorazione presa in prestito dall’albero, per portare subito il Natale a tavola. La tavola può essere tranquillamente preparata la sera prima: sarà un pensiero in meno a cui badare il giorno dopo.

I vostri commenti

Lascia un commento o una domanda