Canocchia

La canocchia (Squilla mantis) è un crostaceo di medie dimensioni, raggiunge i 20/25 cm di lunghezza. La canocchia ha corpo allungato, provvisto di numerose paia di appendici, alcune delle quali utilizzate dall’animale per muoversi, altri per scavare il proprio rifugio. Vive sui fondi sabbiosi, fangosi o detritici costieri, spesso in prossimità della foce dei fiumi o dello sbocco dei canali. La canocchia ha una colorazione bianco-grigiastra madreperlata, con due caratteristiche macchie ovali bruno-violacee sulla coda che assomigliano a un paio di occhi. Il primo paio di arti (pseudochele) è composto di due lobi seghettati, ed è utilizzato per catturare le prede di cui l’animale si nutre. La testa, ricoperta da una robusta corazza, è munita di due paia di antenne e di altre due appendici mobili, su cui sono collocati gli occhi. L’addome termina con una coda con funzioni natatorie.

Utilizzo principale

Canocchia lessataLa canocchia ha carni di notevole pregio, molto apprezzate, in particolare nel periodo autunno-invernale, adatta sia ai primi che ai secondi piatti. Bollite in pochissima acqua e condite con poco limone ed olio extravergine di oliva o in umido o in zuppa.

Costo

Medio-basso.

Stagionalità

Tutto l'anno, ma i mesi migliori sono: marzo, aprile, maggio, giugno, luglio, agosto, settembre, novembre.

Reperibilità

Facile.

Come scegliere

La canocchia si deve consumare fresca perchè dopo poco tempo dalla pesca inizia un processo di disidratazione che svuota la corazza, e che quindi rende consigliabile acquistarla viva. Il guscio che deve essere compatto, non deve presentare parti sciupate e ingiallite, non deve essere asciutto e screpolato. Deve emanare un lieve odore di salmastro.

Come pulire le canocchie

  1. Sciacquare abbondantemente le cannocchie sotto acqua corrente
  2. Praticare due tagli laterali, con le forbici, lungo i lati del corpo, sollevare con le dita i mezzi gusci e sfilarli lasciando libera la polpa
  3. Innanzitutto tagliare la testa con un paio di forbici da cucina
  4. Tagliare quindi la coda
  5. Tagliare le zampette che si trovano sul ventre
  6. Cancchia pulireTagliare le appendici anche lungo tutto il dorso della canocchia, fino ad eliminarle completamente
  7.  
  8. Togliere l'ultima parte di guscio per liberare la polpa
  9. Tagliare le estremità destra e sinistra della canocchia
  10. Una volta tagliate le estremità sarà sufficiente tirare il guscio, che verrà via molto facilmente
  11. Man mano che si toglie il guscio resterà scoperta la polpa
  12. Alla fine resterà la base della canocchia sulla quale rimane attaccata la polpa.

Vedi Pulire i crostacei.

Come conservare

Le cannocchie sono crostacei molto delicati che devono essere consumati o congelati il prima possibile. È possibile conservarli in frigorifero, ben coperti da pellicola alimentare o chiusi in un sacchetto freezer, per 1 giorno al massimo. Se sono molto freschi, è possibile anche congelarli, a -18°C, in appositi sacchetti ben chiusi, avendo l’accortezza di eliminare quanta più aria possibile. Si può così conservare 3 mesi.

Abbinamento col vino

Aragoste e frutti di mare si abbinano bene con vini bianchi secchi freschi e delicati o con le bollicine. Vedi Abbinamenti cibo vino e Le bollicine.

Zona di diffusione

È ampiamente distribuita in tutto il Mediterraneo e soprattutto nell'Adriatico e nell'Atlantico Orientale dalle Isole Britanniche all'Angola.

Gamberi, granchi ed aragosta hanno un contenuto di colesterolo più elevato di molti altri tipi di pesce. Dal punto di vista alimentare, i crostacei sono particolarmente adatti ai regimi dietetici, poiché hanno apporto calorico ridotto (a patto che vengano cucinati senza l'aggiunta eccessiva di condimenti grassi). Sono buone fonti di proteine e acidi grassi polinsaturi, oltre che di molte vitamine del complesso B; generalmente hanno un alto contenuto di iodio, perciò sarebbero da evitare nelle diete che ne richiedono un basso apporto. Sono tutti facilmente digeribili. Diffusi sono fenomeni di allergia (brividi, pruriti, febbre) non gravi ma comunque fastidiosi.

Celiachia

Fresco o surgelato non contiene glutine.

Tabella nutrienti e calorie delle canocchie

Nutriente Valore
Calorie 69 Kcal

Valori per ogni 40 gr di prodotto edibile.

Origine del nome

Il nome scientifico "mantis" deriva dalla somiglianza fra le pseudo chele di questo animale e le omologhe zampe della mantide religiosa, un insetto cacciatore. Essa riesce a muovere la propria gamba anteriore toccando punte massime di 23 metri al secondo; una velocità che gli permette di raggiungere, colpire e sbriciolare il guscio della sua preda preferita, la chiocciola.

Anche detto

Pannocchia, Cicala di mare, Cannocchia.

Dialetti

Dialetto Voce
Abruzzo canocchia
Campania spernocchia, sparnocchia
Friuli Venezia Giulia canocia, canoccia
Lazio cicala di mare
Liguria balestrin, sigà de maa
Marche cannocia, cannocchia
Puglia cannocchiella, cecala
Sardegna càmbara de fangu, solegianu de mari
Sicilia astrea, cegala de mari
Toscana canocchia, cicala di mare
Veneto canocia, canoccia

 

 

I vostri commenti

vorrei sapere perché certe cannocchie hanno tipo un midollo nel loro guscio?da dove si riconosce se sn femmine oppure no?

Ciao Salvatore. Quello che si trova alle volte tipo cera arancione sono le uova.

Ne ho cucinare ieri che ho comperato congelate; dopo averle scongelate con microonde (programma di scongelamento) le ho messe a vapore per circa 1/2 ora senza togliere il guscio superiore. Come gusto molto buono ma la polpa si è attaccata al guscio ed alla parte inferiore costringendomi ad una certa difficoltà nel consumarle. Ho cercato di togliere il guscio da crude ma vista la difficoltà ho desistito anche perchè andavano in pezzi. C'è una procedura migliore per poter consumare bene anche quelle congelate? Grazie, Paolo

Le cicale di mare vanno cotte con pochissimi acqua per max 10 minuti e devono essere vive altrimenti sono vuoto dentro.
In una pentola da 4lt circa mettete 1lt di acqua poco sale e quando bolle buttate le cannocchia sino al livello dell'acqua, da quando sale la schiuma tenete 5 minuti. Stessa procedura per i granchi.

Volevo una informazione: e' vero che le canocchie sopravvivono solo se ci sono meno di 12 gradi pertanto e' possibile che il pescato sia fresco di giornata anche se icrostacei sono morti qualora le temperature siano piu' alte? E' previsto per questi crostacei un controllo veterinario all acquisto da parte del negoziante che possa garantire il consumatore sulla freschezza? Grazie 10000

vorrei sapere se pulendo le cicale di mare , insieme al filo scuro vanno tolte anche le uova ?

Questione di gusto Sara, ma le uova sono una prelibatezza -)

Lascia un commento o una domanda