Camembert de Normandie

Formaggio francese a pasta molle con crosta fiorita bianca, ottenuto da latte di vacca crudo o pastorizzato. Il Camembert è sicuramente uno dei formaggi più rinomati della produzione casearia francese. Dal 1983 il Camembert di Normandia possiede il marchio AOC ("Appellation d'Origine Controllée" o Appellazione di Origine Controllata). Dal 1996 il Camembert di Normandia è riconosciuto al livello europeo con l'Appellazione di Origine Protetta (AOP). È un formaggio cremoso, sa di burro, ed è leggermente salato. Quello artigianale ha un sapore fruttato, mentre quello prodotto industrialmente non ha un odore e un sapore molto caratteristici. La sua crosta sottile è coperta da una muffa bianca. Ha poche occhiature di piccole dimensioni.

Utilizzo principale

Può essere gustato col pane, l'ideale è la baguette, accompagnato da composte di agrumi o frutti di bosco. È usato anche per insaporire e impreziosire sformati e piatti di formaggio, al gratin avvolto nel pangrattato è ottimo. Sciogliendosi molto bene è adatto per moltissime preparazioni.

Lavorazione

Forme di CamembertFino a poco tempo fa veniva realizzato con latte crudo, oggi, per venire incontro ai requisiti sanitari disciplinati dalla normativa comunitaria, è prodotto con latte pastorizzato. La maturazione, come in tutti i formaggi a pasta molle, procede dall'interno verso l'esterno. Nel caso del Camembert di Normandia, la cagliata viene prelevata con un ramaiolo forato e riversata in tippici stampi rotondi, per far spurgare il restante siero. Viene di seguito asciugato in locali (Hâloirs) con determinato livello di umidità e temperatura.

La stagionatura dura 21 giorni circa.

Stagionalità

Tutto l'anno.

Reperibilità

Facile.

Varietà

In commercio si trova la denominazione di Camembert de Normandie solo se tutte le fasi della fabbricazione sono state realizzate in uno dei 5 dipartimenti della omonima regione.
Il Camembert "laitier", viene invece prodotto da latte pastorizzato di altri allevatori in caseifici di maggiori dimensioni.

Come scegliere

Il Camembert deve avere una crosta bianca con striature e chiazze rosse, la pasta deve essere densa, di colore giallo crema e morbida. Deve avere un leggero odore di muffa e un gusto salato.

Come conservare

A maturazione avanzata tende a prendere un leggero odore ammoniacale. Proprio per questo viene venduto in caratteristiche scatolette di legno di pioppo che ne permettono una buona aerazione. Vedi Conservazione del formaggio in generale.

Abbinamento col vino

I vini ideali sono vini di Borgogna, Bordeaux dolce, Cotes du Rhone o vini dolci della Turenna. Vedi Abbinamento cibi e vino.

Zona di origine

Esistono 10 ateliers di fabbricazione del Camembert de Normandia AOC, tutti situati nella regione della Bassa Normandia.

Zona di produzione

Il Camembert viene prodotto industrialmente anche in paesi come Canada, Svizzera e gli Stati Uniti.

Celiachia

Non contiene glutine.

Controindicazioni

Vedi Controindicazioni del formaggio in generale.

Valore nutrizionale

Il Camembert contiene una percentuale di grassi piuttosto bassa (circa il 20%) e un buon rapporto proteine/grassi.

Tabella nutrienti e calorie del Camembert

Nutriente Valore
Calorie 285 Kcal
Proteine 18 gr
Carboidrati 1,7 gr
Grassi 22,7 gr

Valori per ogni 100 gr di prodotto.

Origine del nome

Il nome deriva dal villaggio di Camembert in Normandia.

Nella storia

Il Camembert de Normandie fu inventato a Vimoutiers, all'epoca della Rivoluzione francese, da una contadina di nome Marie Harel nata nel villaggio di Crouttes nel 1761. Seguendo i suggerimenti di un sacerdote in fuga dalla nota regione del Brie, Marie Harel inventò il procedimento per fare il Camembert. Tale produzione fu poi continuata dalla sua stessa figlia, Maria, nata nel 1787, e a loro volta dai suoi figli nel villaggio Camembert. Fu Napoleone III, dopo anni, che recatosi a Camembert ebbe modo di assaggiarlo e di apprezzarlo a tal punto di dare al formaggio un nome: quello del villaggio dove veniva prodotto, appunto Camembert. Non essendo stato però subito depositato il nome, nel 1926, il tribunale non gli riconobbe la tipicità d’origine.

 

I vostri commenti

Lascia un commento o una domanda