«Farina, grammi 180 circa. Olio, due cucchiaiate. Vino bianco o marsala, due cucchiaiate. Salvia, cinque o sei foglie. Un uovo. Sale, quanto basta. La salvia tritatela con la lunetta e poi intridete la farina con tutti gl'ingredienti lavorandola bene e procurando che la pasta resti piuttosto morbida. Poi tiratela col matterello alla grossezza di uno scudo spolverizzandola con farina, se occorre, e tagliata a mandorle friggetela nell'olio o nel lardo. Sento dire che qualcuno le mangia insieme ai fichi e al prosciutto. Ritengo questa quantità sufficiente per quattro persone.»

I vostri commenti

Lascia un commento o una domanda