La carne rossa è chiamata così per la tipica colorazione dovuta all'abbondanza di mioglobina e di emoglobina e si differenzia a seconda dell'animale macellato. Diversamente dalle carni bianche (ottenute da animali da cortile come polli e tacchini), le carni rosse sono ottenute da animali da macello. Tra le carni rosse troviamo la carne bovina (vitello, vitellone, manzo, bue e vacche), carne equina (di cavallo o puledro), carne di ovini, suini e caprini. Proprio l'emoglobina e la mioglobina che si trovano nella carne sono ritenute causa (a seguito di un processo che avviene nell'intestino) della possibile formazione di "colonie" cancerogene nell'intestino. Oggigiorno la tendenza è di ridurre il consumo di carne rossa. Come sempre un uso moderato potrebbe essere sufficiente per non perdere il piacere di gustare un buon arrosto o una deliziosa costata.

  • Carne bovina

    Carne bovina, tagli e uso in cucina

    Manzo, vitello, vitellone, scottona: descrizione, valori nutrizionali e uso in cucina dei diversi...
  • Carrè d'agnello

    Agnello

    È il cucciolo della pecora e per estensione la sua carne si chiama "carne d'agnello". È una carne...
  • Carne di cavallo

    Carne di cavallo

    La carne di cavallo, o carne equina, si distingue per la sua magrezza e per una caratteristica...