Ricchi di proprietà depurative, gli agretti, sono tipicamente primaverili e devono il loro nome al sapore tendenzialmente acre.

Agretti crudi

Gli agretti, detti anche "barba dei frati", "roscano", "senape dei monaci", "lischi", sono le piantine giovani della "Salsola soda" ortaggi primaverili ricchi di sali minerali e proprietà depurative, sono utilizzati in cucina da marzo a fine maggio. Le sue foglie filiformi ricordano l'erba cipollina, ma si distinguono perché più sottili, più piatte, e piene al taglio. La barba dei frati o agretti, sono di un verde carico, quasi brillante, e hanno la base rossiccia e dura, quasi pungente. Il sapore è acre, acidulo. La loro coltivazione è molto semplice.

Uso in cucina

Gli agretti, o barba dei frati, si usano in cucina cotti al vapore o lessati e conditi a piacere, anche solo con del semplice olio extra vergine e limone, ma sono ottimi anche con aglio, pomodoro e acciughe.

Come e quanto cuocere

Dopo aver pulito gli agretti, far bollire in abbondante acqua salata e scolare dopo circa 15-20 minuti a seconda del proprio gusto.

Altri utilizzi

Consumati una volta al giorno per un mese servono per depurare il corpo.

La pianta

Salsola SodaLa Salsola Soda è una pianta annuale che forma piccoli cespugli che possono crescere fino ai 70 cm di altezza; possiede foglie e fusto generalmente tendente al rosso. Produce dei piccoli fiori che formano infiorescenze e che spuntano direttamente dal fusto, alla base delle foglie.

Coltivazione degli agretti

Meglio piantare i semi. Vengono comunemente venduti in buona parte dei negozi di semi online; più difficile trovarli nei garden o nei vivai, perché la coltivazione avviene per un periodo di tempo troppo breve, nei primi mesi primaverili.

Tratto da: http://www.alimentipedia.it/agretti.html
Copyright © Alimentipedia.it

I semi vengono comunemente venduti in buona parte dei negozi di semi online; più difficile trovarli nei garden o nei vivai, perché la coltivazione avviene per un periodo di tempo troppo breve, nei primi mesi primaverili.

Sono poco esigenti basta annaffiarli bene. Hanno bisogno di un terreno sabbioso.

In quale stagione si trovano gli agretti

PRIMAVERA. Sono delle verdure tipicamente primaverili, presenti nei mercati da fine marzo a tutto maggio. In alcune annate anche fino a Luglio.

Reperibilità

Semplici da trovare al mercato ma soltanto nella stagione giusta.

Forme in commercio

Li si trova freschi.

Come scegliere

Si presentano a mazzetti, scegliere quelli dal verde intenso, dal filo turgido e senza macchie.

Come pulire

Pulire gli agrettiI mazzetti di barba dei frati o agretti sono spesso ricchi di terra alla radice. Occorre tenerli a bagno con bicarbonato, risciacquando spesso l'acqua. Fare poi attezione a tagliare le radici che sono pungenti, e si presentano come bastoncini. Basta impugnare ogni "filo" di agretto nel punto in cui la barba rosa finisce e spezzare con un colpo secco.

Come conservare

Si tratta di una verdura fresca delicata, quindi conservarla in frigorifero nel cassetto della verdura o in altro luogo fresco ed asciutto per non più di qualche giorno.

Suggerimenti

Per mantenere il loro verde brillante, dopo la lessatura immergerli in una vaschetta con del ghiaccio.

Zona di origine

Questi ortaggi sono originari dell'Europa meridionale e del Nord Africa.

Zona di coltivazione

Oggi sono coltivati in tutto il Mediterraneo.

Gli agretti sono ricchi di potassio, caroteni, vitamina C e B3 e soprattutto calcio. Proprio per la loro composizione nutrizionale sono molto diuretici, rimineralizzanti e depurativi. Grazie al contenuto di sali minerali e clorofilla, gli agretti facilitano l’eliminazione delle scorie e depurano il sangue da colesterolo e trigliceridi. Sono rinfrescanti e leggermente tonici. Per sfruttare al meglio le loro caratteristiche nutrizionali l’ideale sarebbe consumarli ogni giorno per un mese, ben lavati e scottati al vapore.

Celiachia

Non contengono glutine.

Tabella nutrienti

Nutriente Valore
Calorie 17 Kcal

Valori per ogni 100 gr di prodotto.

Origine del nome e curiosità

Barba dei fratiIl nome "agretto" deriva proprio dal sapore leggermente acre. Gli altri nomi variano a seconda delle regioni. Spesso associati al termine "barba" proprio per la loro forma filiforme e lunga che ricorda la barba dei frati.

Ceneri di Salsola soda

Produzione del vetroCon le ceneri di "Salsola soda", ricche di carbonato di sodio e di potassio, si produceva artigianalmente il vetro, queste piante venivano coltivate in piena Laguna, a Venezia, per dare la materia prima alle vetrerie della città, molto famose.

Anche detti

Barba dei frati, Barba del negus, bacicci, soda, ruscano, roscano, riscolo, lischi, finocchi di mare, miniscordi, senape dei monaci.

Dialetti

Dialetto Voce
Romagna lischi
Toscana roscano
Lazio agretti

Altre lingue

Lingua Voce
Spagnolo barrilla

 

 

I vostri commenti

sono davvero buoni!!!!!!!!!!!!!

Non li conoscevo e devo dire proprio buoni!

Dunque, io compro gli agretti, scelgo le piantine con le radici e le pianto mentre il resto lo mangio? Voglio dire: posso piantare quelli che compro dal fruttivendolo o devo andare a prendere le piantine in vivaio? In Trentino riesco a coltivarli?

Ciao Raffaella. Meglio piantare i semi. Vengono comunemente venduti in buona parte dei negozi di semi online; più difficile trovarli nei garden o nei vivai, perché la coltivazione avviene per un periodo di tempo troppo breve, nei primi mesi primaverili.

Meolo 20 giugno 2013
Ho comperato i semi in fiera a longarone li ho seminati e oggi li ho colti per la prima volta e sonno buonissimi. Abito a meolo in provincia di Venezia

salve, sono titolare di una azienda agricola vivaistica a Nocera Inferiore (SA) e vorremmo creare anche coltivazione di aromatiche in pieno campo con relativa vendita del prodotto fresco per ristoranti, pizzerie e massaie verrei sapere qualcosa in più per la coltivazione dell'Agrette per intenderci se coltivato in serra può essere riscaldato e a che temperatura? i periodi di semina, in che quantità di semi al mq e se ho dimenticato qualcosa il quale potreste suggerirmi.
Gaetano Fortino, 21/02/2014

Li consumo da Quando ero bambina. A Milano sono molto conosciuti e da quando sono a Verona (più di trent'anni) solo da poco li sto trovando dal fruttivendolo. Sono buonissimi... Ne sto facendo pubblicità presso i miei colleghi, che non li conoscevano.... Da noi si chiamano proprio "barba dei frati". Provateli!!!!!

le barene venete sono ricche di agretti(roscani), io ne raccolgo parecchi ogni primavera. per staccare la parte legnosa da quella commestibile basta prendere con una mano il gambo, con l'altra la parte superiore, tirare come allungare, si staccano esattamente nella parte giusta, cioè parte legnosa parte commestibile

Li mangio fin da bambina, lessi, conditi con olio, sale e pepe, e volendo anche limone. In Romagna si chiamano lischeri ;-)

Sono veramemte squisiti e salutari! Parola. Di ottantaseienne

No l'io mai mangiato ma sono squisito è mi piace tanto .....!!!

Buoni e sopratutto richi di elementi nutritivi che vale la pena mangiarli spesso, peccato che si trovano in pochi negozi, a Arco alla frutteria del sole.

li raccogliamo fra le dune in spiaggia o in terreno umido e salino in vicinanza del mare.......grandi scorpacciate insieme a porotti prodotti da noi e tagliati molto fini....buoooonissimi.

Qualcuno mi può dire se si può bere l'acqua di cottura degli agretti? Grazie.

Ciao Palmetta. Penso che non ci siano controindicazioni se lavati molto accuratamente prima della cottura. Però non so dirti di più :-)

@Francesca
Sono di Verona anch`io...dove sei riuscita a trovarli...io li ho cercati ovunque ma invano... Li riesco a mangiare solo quando vado giu a Roma o me li faccio portare dai miei cugini...li cerco disperatamente:-)

trovati ieri al mercato di Salzano- Venezia. di solito li trovo al mercato di Mestre. ne ho presi in abbondanza e oggi provo a congelarli

sono ottimi ,sarà 20 anni che gli mangio,io ne faccio per secondo 2 mazzi tutti ,con olio,limone sale e pepe sono buonissimi una forchettata tira l'altra

ma una volta lessati e raffreddati, x quanti giorni si mantengono in frigo?

Ciao Tiziana. Un paio di giorni massimo, credo. :-)

Ciao a tutti. Potete seggerirmi un modo per proteggerli dalle impurita' ( tipo capelli).
E' difficilissimo fare un controllo durante la pulizia, pensavo ad una retina.
Avete altre idee???
Vi ringrazio. Donatella

Lascia un commento o una domanda